Lunedi 5 Dicembre

Giro d’Italia 2016, primo arrivo in salita: alla scoperta della 6ª tappa da Ponte a Roccaraso

Dopo la vittoria di ieri del tedesco Greipel, il Giro d’Italia 2016 affronta oggi la sesta tappa che parte da Ponte e si conclude a Roccaraso

Cinque tappe già andate in archivio, per il Giro d’Italia 2016 è tempo di tuffarsi nella sesta, pronta regalare il solito carico di emozioni e di colpi di scena. Primo arrivo in salita in una frazione breve, sostanzialmente tutta di montagna.

LaPresse/ Fabio Ferrari

LaPresse/ Fabio Ferrari

Si parte da Ponte alle 12.50 per giungere, dopo 157 chilometri, sul traguardo di Roccaraso, dove la classifica generale potrebbe subire forti sconvolgimenti. Prima parte di tappa alquanto pianeggiante, superati i 20 km però arriva la prima salita che, tra falsopiano di accesso e salita vera e propria, porta a salire per quasi 40 km con pendenze medio facili. Dopo di ciò, per 60 km si viaggia su strade a scorrimento veloce, con una galleria nel tratto finale che conduce a Castel di Sangro, da dove inizia la salita finale che porta al traguardo. Diciassette chilometri di fatica alla media del 4.8%. Prima parte abbastanza ripida con un breve tratto che arriva fino al 12% seguita da un tratto in falsopiano (attraversamento dell’abitato di Roccaraso). Nell’ultimo tratto comincia una nuova salita con pendenze oscillanti dal 7% al 4%. Nell’ultimo km, ecco apparire il rettilineo lungo 120 metri tutti in salita. Il Giro d’Italia torna dopo 29 anni con un arrivo di tappa a Roccaraso, nel 1987 fu Moreno Argentin a vincere la tappa da Rieti a Roccaraso.

Giro d’Italia 2016 – Stage 6 di giroditalia