Venerdi 9 Dicembre

F1 – Red Bull rossa di vergogna, Horner chiede scusa a Ricciardo: “lui ha fatto tutto bene, noi tutto male”

LaPresse/Photo4

Dopo la figuraccia di ieri, il team principal della Red Bull Chris Horner chiede scusa a Ricciardo, scippato dal suo team di una vittoria ampiamente alla portata

L’adrenalina comincia a scendere, le luci si spengono, tutto torna a scorrere velocemente, ma la rabbia resta, eccome! Daniel Ricciardo non riesce a sbollire la sua ira dopo essere stato scippato della vittoria al Gp di Monaco, un furto perpetrato non da un avversario, bensì dalla propria scuderia, rea di aver completamente sbagliato completamente il pit stop decisivo.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Le gomme rimangono nelle termocoperte sia in garage che nel retrobox e, purtroppo, il treno di gomme che serviva in quel momento erano proprio al retrobox” ammette Christian Horner, team principal della Red Bull. “I meccanici erano pronti con gomme Soft e quando abbiamo deciso di cambiare le mescole da montare sulla monoposto di Ricciardo, quelle gomme erano in realtà proprio nella zona retrostante del nostro box. Non sono riusciti a fare il cambiamento in tempo utile e Daniel era già arrivato al pit stop. Questo ci è costato una decina di secondi. Nonostante questo ritardo – ha proseguito Horner – Daniel è uscito accanto a Hamilton, mostrando quanto sia stato veloce nel giro di rientro e lento Lewis nel giro di uscita dai box.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Questo è stato davvero un peccato per tutta la squadra perdere una vittoria del genere“. Poi Horner si scusa pubblicamente con il proprio pilota: come squadra si vince e si perde assieme. Tutto quello che possiamo fare è scusarci con Daniel, perché non gli abbiamo fornito un lavoro adeguato nella giornata di oggi, dopo aver fatto un gran lavoro nella giornata di sabato. Daniel ha fatto tutto bene in gara. Purtroppo questo errore di gestione delle gomme ci ha deluso. Nonostante questo è stato buono che Daniel sia riuscito ad attaccare Lewis nei giri seguenti. E’ riuscito ad essere molto vicino a lui solo una volta, ma semplicemente non ha avuto l’opportunità di andare oltre. Sappiamo quanto sia difficile superare a Monaco. La gara è stata persa per quel pit stop“.