Venerdi 2 Dicembre

F1 – Nuovo sedile e primo approccio con la Red Bull, Verstappen è già a Milton Keynes

LaPresse/PA

Ecco le prime sensazioni di Max Verstappen al suo arrivo alla factory della Red Bull, emozione e gioia negli occhi del pilota olandese

Il passaggio di Max Verstappen in Red Bull al posto di Daniil Kvyat è ormai ufficiale, la carriera del pilota olandese prende una piega inaspettata fino a qualche settimana fa, quando non c’erano dubbi sul fatto che avrebbe terminato la sua stagione sul sedile della Toro Rosso.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Gli interessamenti di Mercedes e Ferrari nei confronti del figlio, hanno spinto Jos Verstappen a premere sui vertici della scuderia anglo-austriaca, pronta a regalare promozione, aumento e prolungamento di contratto a Max. Arrivato a Milton Keynes di buon’ora per fare il sedile della RB12 e prendere confidenza con le procedure della nuova monoposto, Max Verstappen ha espresso le sue prime sensazioni: “per essere onesti, sono sempre stato molto felice della scelta di essere in Red Bull” sottolinea Max in un’intervista al sito della Red Bull. “Non ho mai avuto un valido motivo per cambiare squadra e, naturalmente, con questa opportunità non c’è alcun motivo per guardare altrove: sono felice di essere quiVado in Spagna senza particolari aspettative.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Voglio adattarmi alla macchina, per capirla meglio ogni sessione. Dovrò studiare i dati e vedere ciò che il mio compagno di squadra sarà in grado di fare, perché la cosa più importante sarà quello di segnare dei puntiCerto, sono consapevole che adesso guiderò per un top team, ma alla fine si cerca sempre di fare del proprio meglio. Per quanto mi riguarda, non sento una maggiore pressione“. Una chiamata allunga la vita, sosteneva un famoso spot pubblicitario, ma per Verstappen ha avuto esiti diversi: “beh, naturalmente sono stato molto felice. E anche un po’ stupito, perché non me l’aspettavo adesso, ma ovviamente ne sono molto contento. Ringrazio la Red Bull e il dottor Helmut Marko. Ora proprio non vedo l’ora di saltare in macchina a Barcellona“.