Venerdi 9 Dicembre

F1 – L’ombra di Ocon su Palmer, ma il britannico sbotta: “la Renault non è la Red Bull”

LaPresse/Reuters

I pessimi risultati di questo inizio di stagione, potrebbero costare il posto a Palmer, sul quale si allunga l’ombra di Esteban Ocon

Il Gp di Barcellona è ormai alle porte, il Mondiale di Formula 1 si appresta a vivere il quinto appuntamento della stagione che andrà in scena domenica sul circuito del Montmelò. Riparte la caccia alla leadership di Nico Rosberg, capace di vincere quattro gare su quattro, scavando tra sè e Lewis Hamilton ben 43 punti di distacco.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Un confronto interno impari che il britannico proverà a modificare fin da questo week-end, dove la vittoria è d’obbligo per poter riaprire i giochi per la vetta. Stessa situazione si respira in casa Renault, dove finora Kevin Magnussen ha surclassato Jolyon Palmer il quale, secondo le voci delle ultime settimane, rischierebbe il posto a favore di Esteban Ocon, grande talento proveniente dalla GP3 – di cui è il campione in carica – e attuale pilota DTM per la Mercedes. “Non so da dove provengano queste dicerie, se devo essere onesto – sottolinea Palmer in conferenza stampa – avevo già sentito qualche notizia di questo tenore dopo il Bahrain. Avevo disputato una buona gara a Melbourne, ma, nonostante questo, c’è chi diceva che non avrei dovuto correre in Bahrain. Ho imparato ad aspettarmi tutto dalla Formula 1.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Lo vedevo prima da fuori e ora lo vedo da dentro. Non importa, comunque. So dove mi trovo e in squadra tutti sanno dove ci troviamo, il nostro potenziale“. Palmer poi interviene sul caso Kvyat-Verstappen: “sono sorpreso di questa manovra perché Daniil stava facendo un buon lavoro ed era riuscito anche a centrare un podio. Alla fine dell’anno passato si è mostrato molto veloce, quasi alla pari con Ricciardo. Forse ha avuto un avvio un po’ più difficile questa stagione. Quello che è successo in Red Bull non mi preoccupa. La Renault è un team diverso e la mia situazione è completamente differente da quella di Kvyat e Verstappen“.