Lunedi 5 Dicembre

Europa League – Siviglia, il tris è da sogno: Liverpool schiantato in rimonta

LaPresse/PA

Il Liverpool chiude il primo tempo in vantaggio, ma il Siviglia è travolgente: tre gol in 24 minuti, terza Europa League consecutiva per la formazione di Emery

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Liverpool-Siviglia, Europa League agli spagnoli – Il Liverpool gioca bene, trova il vantaggio con Sturridge e recrimina per due rigori piuttosto clamorosi non assegnati. Poi, inspiegabilmente, crolla. E allora il Siviglia, che in Europa League conferma di non avere rivali, si mangia i Reds nella ripresa con Gameiro e la doppietta di capitan Coke. E così sono tre di fila i trionfi nella ex Coppa Uefa (cinque totali) degli uomini di Emery, che conquistano anche Basilea dopo Torino e Varsavia. Un filotto impressionante che mette a tacere anche le ambizioni di Klopp, cui va di traverso la sua quinta finale, e fionda il Siviglia ai preliminari di Champions League. Impensabile, dopo quanto successo nel primo tempo, ma è giusto così. Emre Can, su iniziativa di Clyne, impensierisce Soria, non impeccabile anche quando, sul cross di Clyne – protagonista di un ottimo avvio di gara – Sturridge stacca su Rami ma Carrièo salva quasi sulla linea. Anche se il Siviglia desta una migliore impressione a livello di collettivo, ogni verticalizzazione del Liverpool diventa un problema per la retroguardia andalusa: ed è clamorosa la svista di Eriksson e dei suoi collaboratori quando Firmino salta Carrièo che allarga il braccio in piena area e interrompe l’azione del brasiliano. Nessuno vede, ai Reds manca un rigore grosso così. Emery ha schierato la stessa formazione che si è guadagnata al Sanchez Pizjuan la terza finale di fila contro lo Shakhtar, con l’eccezione di Escudero per Tremoulinas, neanche tra i 18. Gameiro guida l’attacco, dietro di lui Banega, prossimo a indossare la maglia dell’Inter, con Vitolo e Coke; Klopp recupera almeno per la panchina Henderson e piazza il trio Lallana-Firmino-Coutinho alle spalle di Sturridge

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Liverpool-Siviglia, Europa League agli spagnoli – Proprio il 15 del Liverpool, servito da Lallana, ci prova ancora: stavolta bravo Soria in uscita a chiudere lo specchio. Per far paura a Mignolet il Siviglia impiega più di mezz’ora: dagli sviluppi di uno schema da corner, Gameiro tenta la rovesciata spettacolare, fuori di poco. Al 35′ però passa con merito il Liverpool: da Coutinho a Sturridge, Mariano gli lascia troppo spazio e lui ne approfitta con uno spettacolare esterno sinistro che fa impazzire la Kop trasferitasi al St.Jakob Park. Il Siviglia accusa il colpo e subisce il raddoppio di Lovren, giustamente annullato per fuorigioco di Sturridge; poi altro mani in area andalusa, stavolta di Krychowiak. Meno netto forse, ma Eriksson nega un altro penalty a Klopp. Al rientro però il Siviglia aggredisce e trova immediatamente il pari: gran numero di Mariano su Moreno, palla dentro e tap in semplicissimo per Gameiro, che firma l’ottavo gol in 9 partite di Europa League dopo soli 22″ della ripresa. Lanciato da Banega, Gameiro avrebbe subito dopo l’occasione dell’incredibile ribaltone, ma Tourè compie un miracolo. Liverpool smarrito, lo tiene a galla Mignolet, superlativo sul solito Gameiro (60′). Questione di minuti, perché al 63′ il Siviglia mette insieme un’azione fantastica con i tocchi di prima di Vitolo e Banega che innescano Coke, destro all’angolino e rimonta completata. Klopp corre ai ripari con Origi per Firmino, ma è spaventato dal colpo di testa di Krychowiak e poi ferito a morte ancora da Coke: il capitano del Siviglia, servito da uno sfortunato rimpallo tra difensori del Liverpool, firma il 3-1 a 20′ dalla fine. Klopp inserisce anche Allen e Benteke, ma il Siviglia cannibale non allenta la morsa e centra l’ennesimo trionfo che vale anche il pass per la prossima Champions e una bella iniezione di fiducia verso la finale di Coppa del Re domenica contro il Barcellona. Delusione cocente per il Liverpool, che si è spento d’improvviso. (ITALPRESS).