Martedi 6 Dicembre

E le Rosse?

LaPresse/Photo4

Rosse stantìe, nonostante i proclami e le promesse. Perché?

Sono arrivati con grandi proclami, promettendo che il mondo non sarebbe mai più stato lo stesso, e alle parole avevano fatto seguire i fatti, procedendo a una epurazione di stampo similstalinista. I modi di fare, con il loro avvento al potere, cambiarono decisamente, così come cambiarono i look.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Dalle parole pacate e riflessive di Domenicali si passò alle tuonanti frasi scolpite nel muro di Arrivabene (che ogni tanto non disdegnava qualche “parola forte” per, appunto, rafforzare i concetti espressi); dagli stilosi abbinamenti di Montezemolo si passò ai pullover di Marchionne. E dalle polemiche di Alonso si passò ai proclami di Vettel. Tutto cambiò. Anzi, no. Purtroppo. O, perlomeno, non ancora. Eppure, adesso, di tempo ne è passato. Ma i risultati proclamati e promessi?

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

La Ferrari, la casa automobilistica più famosa del mondo, quella che Marchionne soffriva nel non vedere vincere, continua a non vincere. La Ferrari, la casa automobilistica più famosa del mondo, è a soli 9 punti dalle lattine con le ali. Possibile? Sì, possibile.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Le rosse non vanno, non vincono, non convincono. Sempre dietro. Sempre e comunque. E le lattine su quattro ruote avanzano; loro sì. E fanno passi da gigante, pilotate da ragazzi veloci come Daniel e Max. il finlandese che guida una delle rosse, al contrario, a Montecarlo sbatte contro un muro a causa della pioggia o della disattenzione. Mah. Chissà. Boh. E il Vettel propositivo delle prime gare sta lasciando spazio a un Vettel dal muso lungo, dopo che “decisioni strategiche” lo hanno relegato a passare il suo G.P. di Monaco in coda, dietro a Massa Felipe do Brasil. La Ferrari ha 37 punti in meno in classifica costruttori. Raikkonen e Vettel sono dietro alle due Mercedes e a Ricciardo. Epurazioni e proclami non hanno sin qui partorito un gran che di nuovo. Il popolo della Ferrari aspetta, ansioso, che alle parole, a volte anche forti, adesso facciano seguito i risultati, magari anche forti.