Lunedi 5 Dicembre

Ducati: è sempre lamento Dovi

LaPresse/Alessandro La Rocca

Ogni GP un lamento. Sicuri che il Dovi sia un degno Ducatista?

Ducati ha deciso che il prossimo anno sarà Andrea Dovizioso ad affiancare Lorenzo in scuderia. Evidentemente avrà fatto i suoi calcoli, l’ingegner Dall’Igna, nell’effettuare la scelta del pilota per la prossima stagione. E probabilmente il tempo gli darà ragione. Noi che scriviamo, possiamo dare la nostra versione dei fatti, però.

LaPresse/EXPA

LaPresse/EXPA

Una versione dei fatti che parte dalla conoscenza diretta del popolo ducatista, e dei suoi eroi. Alla gente che tifa e compra le moto Ducati, piacciono i piloti senza paura, quelli coraggiosi, che buttano sempre e comunque il cuore oltre l’ostacolo. Perché quello è il DNA Ducati. Negli anni, sono stati eletti beniamini delle rosse di Panigale piloti come Falappa, Fogarty, Bayliss, Stoner. Gente che saliva in sella, prendeva la rossa, e la faceva volare e vincere. Il signorino Andrea Dovizioso, a nostro parere, non è, e non sarà mai, un pilota di quella pasta. Dovizioso si lamenta, sempre.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Della moto, della pista, dell’anteriore, del posteriore, dell’entrata in curva, del compagno, e ieri, meravigliosa novità, degli avambracci! Pensando a gente come Falappa, Fogarty e Bayliss, la frase detta dal Dovi a fine gara: “purtroppo mi si è indurito l’avambraccio” sembra una barzelletta nemmeno troppo riuscita. Dovizioso ha sempre pronto un purtroppo di troppo, per essere un pilota simbolo del “ducatismo!” Gli preferiamo senza ombra di dubbio il lottatore pazzo Iannone, o anche il Petrucci in Pramac. Almeno questi due si danno da fare, si impegnano allo stremo, non si risparmiano mai. Non a caso ieri Iannone è arrivato davanti a Dovizioso, non a caso il pubblico del Mugello cantava “Iannone uno di noi”, non a caso Iannone ha superato in gara Vinales, Pedrosa e Dovizioso stesso. La ragione ha spinto Ducati a scegliere Dovi. La nostra passione avrebbe optato per chi ha nella sua natura il vero DNA Ducati. Quello che fa battere il cuore!