Venerdi 9 Dicembre

“Ciao zio, sono Gary”: la scusa di Medel con la polizia diventa virale

LaPresse - Spada

Il centrocampista dell’Inter, Gary Medel, si è resto protagonista di un episodio singolare con la polizia cilena che ha fatto il giro dei social

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Episodio curioso capitato al centrocampista dell’Inter Gary Medel. Come riportato da “www.FcInter1908.it”, il giocatore nerazzurro tornato in Cile si apprestava a superare un posto di blocco della polizia a bordo della sua auto con i vetri oscurati. I poliziotti hanno fermato il veicolo per accertarsi dell’identità dei passeggeri e a quel punto Medel, credendo di essere stato riconosciuto, abbassando il finestrino si è rivolto all’agente così: “Ciao zio, sono Gary”. La frase ha letteralmente fatto impazzire Twitter, diventanto un hashtag di tendenza “ ”, ma a Medel non è andata così bene.

LaPresse - Spada

LaPresse – Spada

La polizia ha chiesto al giocatore di mostrare il contenuto dei bagagli e il cileno sembra essersi indispettito: “avevo paura di perdere qualche oggetto di valore”, ha dichiarato in seguito il centrocampista dell’Inter. Qualche ora dopo Medel si è scusato telefonicamente con gli agenti, intanto però in Cile è diventato un idolo e non solo per la “garra” che mette in campo!