Ci scusi maestà

LaPresse/PA

Arriva nelle sale il film di Pelè. Tutti sono con O’Rei. Noi no

Sua Maestà ci scuserà. O almeno lo speriamo. Ma sentiamo di dover dare fiato a una voce fuori dal coro. Arriva oggi nelle sale italiane il film sulla vita di Pelè, e tutti giù a parlar bene di questo uomo-giocatore. Ecco, è proprio su questo punto che si fa la differenza. La differenza fra uomo e giocatore.

1482299-peleNulla da dire, ci mancherebbe altro, sul Pelè calciatore. 1283 (o 1281) gol, 3 Mondiali conquistati, il cruccio di non aver mai vinto un’Olimpiade con il Brasile. Nessuno discute le sue qualità di calciatore e di campione. Ci permettiamo di dissentire sul perenne modo di incensare anche le “gesta” del Pelè uomo. A noi sembra che Pelè sia, da sempre, molto attento e guardingo in ogni sua dichiarazione.

pelè2Troppo. Assomiglia molto ai politici che governano questa povera Italia: parole spese senza mai dire nulla di concreto. Recentemente, gli sono state poste alcune domande. Ecco le “non-risposte” di Pelè: Cosa pensa di Dunga c.t. del Brasile? È un uomo molto onesto, con una sua moralità. E cosa c’azzecca la moralità col saper fare bene il c.t. di una Nazionale di calcio? Sabato si gioca la finale di Champions, vorrebbe giocare nel Real o con l’Atletico? Mi piacerebbe giocare nel Barcellona.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Scusi, signor Pelè, la domanda è circostanziata alle 2 finaliste di Madrid, non se ne era forse accorto? Mah, che dire? Sono solo 2 esempi, ma rendono perfettamente l’idea sul modo di interpretare la vita dell’uomo Pelè: senza sbilanciarsi mai. Sua Maestà ci scuserà, speriamo, ma al suo eterno “non prendere posizione” preferiamo di certo caratteri come quelli di Best, Cantona, Maradona. Gente che si è esposta, ma che è rimasta per sempre nel cuore dei propri tifosi. Gente che ha preso posizione. Gente che ha detto per davvero quello che aveva dentro. Gente che non aveva paura di nessuno.

FotoGallery