Venerdi 9 Dicembre

Cessione Milan, i sette giorni di Berlusconi: Gancikoff presenta l’offerta, i dettagli

LaPresse/Vincenzo Livieri

Cessione Milan che ormai è arrivata nella fase decisiva: entro domani Gancikoff presenterà l’offerta a Berlusconi, entro sette giorni la risposta

LaPresse/Fabio Cimaglia

LaPresse/Fabio Cimaglia

Cessione Milan, i sette giorni di Berlusconi – Cessione Milan che si appresta a vivere i sette giorni decisivi. La trattativa con il consorzio cinese rappresentato da Sal Galatioto, advisor dell’operazione, prosegue ormai da settimane e la data del 15 giugno, giorno in cui scadrà l’esclusiva, si avvicina. Come riportato in esclusiva dal Corriere dello Sport, entro domani Nicholas Gancikoff – l’uomo dello ‘stadio’ presente nella cordata di investitori orientali – presenterà a Fininvest i dettagli dell’offerta cinese svelando così tutti i nomi (ed il peso azionistico) dei potenziali nuovi acquirenti del Milan.

LaPresse/Piero Cruciatti

LaPresse/Piero Cruciatti

Cessione Milan, i sette giorni di Berlusconi –  La base di trattativa ormai è nota: 70% delle quote subito e restante 30% (che verrà intestato a Barbara Berlusconi) che verrà inglobato successivamente, nel giro di due-tre anni. Arco temporale in cui Silvio Berlusconi resterà come Presidente onorario (resta da stabilire con che grado di operatività) del Milan.  Prendere o lasciare, dunque. Tutto in sette giorni. Perché dal momento in cui Nicholas Gancikoff presenterà l’offerta, Berlusconi avrà un paio di giorni per decidere se proseguire (andando dritto verso la cessione del club) o se alzarsi dal tavolo della trattativa, eventualità che non prevede il pagamento di alcuna penale. Sette giorni (anche meno), quanto basta per scrivere una nuova pagina di storia del Milan.