Lunedi 5 Dicembre

Calciopoli, nuova condanna per l’ex dg della Juventus Luciano Moggi

Daniele Badolato / LaPresse

A distanza di dieci anni dallo scandalo che cambiò volto al calcio italiano, Calciopoli continua a far discutere: nuova condanna per Luciano Moggi

LaPresse/Vincenzo Livieri

LaPresse/Vincenzo Livieri

Calciopoli, nuova condanna per Moggi – La pagina più brutta del nostro calcio che, a distanza di dieci anni, continua a rimanere aperta. Nonostante le decisioni della giustizia sportiva e le relative condanne, le polemiche legate a Calciopoli continuano ad alimentare dubbi e discussioni. Se Luciano Moggi, ex direttore generale della Juventus considerato l’uomo che muoveva i fili del calcio italiano, nei giorni scorsi aveva ‘scaricato’ su Adriano Galliani l’esplosione del caso Calciopoli, per Big Luciano arriva, dopo quelle già note nello scandalo che ha cambiato volto al calcio, un’altra condanna sempre legata alla triste vicenda.

Lapresse/Jonathan Moscrop

Lapresse/Jonathan Moscrop

Calciopoli, nuova condanna per Moggi – Come riporta una nota ANSA, Luciano Moggi “è stato condannato  a mille euro di multa per aver diffamato l’allora tenente colonnello dei carabinieri Attilio Auricchio, uno degli investigatori nella maxi-inchiesta su Calciopoli, in occasione di una sua partecipazione alla trasmissione ‘Porta a Porta’. Moggi è stato condannato anche a versare 20mila euro ad Auricchio, attuale capo di gabinetto del sindaco di Napoli Luigi De Magistris, sotto forma di provvisionale”. L’ex direttore generale della Juventus aveva additato Auricchio come “un ufficiale dei carabinieri che ha mentito sapendo di mentire”.