Domenica 11 Dicembre

Beach volley: Nicolai-Lupo da fantascienza, che vittoria all’Open di Sochi

LaPresse/XinHua

Al termine di una finale tirata, la coppia azzurra Nicolai-Lupo si mette in tasca l’Open di Sochi, tappa del World Tour di beach volley

Gli azzurri Paolo Nicolai e Daniele Lupo hanno trionfato nell’Open di Sochi grazie alla vittoria in finale sui padroni di casa russi Semenov-Krasilnikov 2-0 (21-15, 21-18). A distanza di due anni i ragazzi di Matteo Varnier sono così tornati al successo in una tappa del World Tour, gli altri due primi posti erano datati 2014: Open di Fuzhou e Grand Slam Shanghai.

LaPresse/XinHua

LaPresse/XinHua

Per gli italiani il trionfo è arrivato al termine di un grandissimo torneo che li ha visti cedere solo un match, proprio contro gli stessi avversari russi poi dominati in finale. Dopo il ko nella fase a gironi la coppia dell’Aeronautica Militare ha cambiato marcia e partita dopo partita è salita di livello, completando l’opera oggi con un match perfetto. Nella finalissima gli azzurri hanno preso subito il comando delle operazioni, dominando il primo set. Le potenti battute di Paolo Nicolai hanno messo in grossa difficoltà i russi, che non sono stati in grado di reagire e si sono dovuti arrendere (21-15). Più combattuta la seconda frazione, ma una volta avanti gli italiani non hanno concesso opportunità di rimonta agli avversarsi e si sono imposti (21-18). Oltre alla vittoria i ragazzi di Varnier possono esultare doppiamente perché i 500 punti conquistati mettono una seria ipoteca sulla qualificazione olimpica.

LaPresse / Xinhua / Jiang Kehong

LaPresse / Xinhua / Jiang Kehong

Prima del successo di Sochi in questo 2016 Paolo e Daniele avevano già raccolto due secondi posti: Open di Vitoria e Open di Fuzhou. “Penso che la chiave della vittoria sia stato il nostro servizio – sottolinea un entusiasta Paolo Nicolai sia io che Daniele siamo riusciti a mettere i russi in grande difficoltà. Per tutto il torneo abbiamo avuto buone sensazioni e siamo molto felici di questo successo. Quando affrontiamo Semenov-Krasilnikov non si sa mai come può andare a finire, nel girone per esempio abbiamo perso, ma per fortuna contava di più la finale”. Stesso stato d’animo per Daniele Lupo: “prima di tutto voglio ringraziare Paolo, perché per tutto il torneo è stato eccezionale. Siamo davvero entusiasti per questa vittoria, credo che ce la siamo meritata tutta e dopo due finali perse ci voleva proprio”.