Domenica 4 Dicembre

Basket – Caso Wright, Varese sbotta: “non è dopato, si cura per la sclerosi multipla”

LaPresse/Simone Raso

Dopo la positività di Wright ai controlli antidoping per aver utilizzato il modafinil, Varese interviene prendendo le difese del proprio giocatore

Non si tratta di doping. Varese prende le difese di Chris Wright, sospeso oggi dal Tribunale Nazionale Antidoping del Coni per la positività al modafinil lo scorso 4 maggio, in occasione dell’incontro con Cantù. “Trattandosi di farmaco atto a curare la sintomatologia connessa alla sclerosi multipla, malattia dalla quale come ben noto il giocatore è affetto da tempo, la società nei prossimi giorni concorderà con l’atleta quali iniziative intraprendere per tutelare l’immagine del club e per garantire a Chris Wright di limitare un’eventuale sanzione“, si legge in una nota della società lombarda. (ITALPRESS).