Lunedi 5 Dicembre

Atletica, Tamberi sesto a Rabat: “non posso essere contento!”

LaPresse/Actionpress

Deludente la prestazione di Gianmarco Tamberi in Diamond League a Rabat, in Marocco

Gianmarco Tamberi non riesce a far bene alla IAAF Diamond League di Rabat. Il campione del mondo indoor di salto in alto è riuscito a piazzarsi solo sesto in questo appuntamento in Marocco. La gara è stata vinta dall’ex iridato ucraino Bohdan Bondarenko, mentre gli altri italiani, Fassinotti e Chatbi si sono piazzati rispettivamente al settimo e nono posto. Tamberi ha esordito all’aperto con 2,25 nella gara vinta dall’ucraino, iridato 2013, Bohdan Bondarenko (2,31) davanti all’argento olimpico Erik Kynard (2,28).

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Il 23enne azzurro ha superato indenne l’ingresso in gara a 2,15 e la quota successiva di 2,20, prima di ricorrere a tre prove per aver ragione dei 2,25. A 2,28 tre errori che collocano in sesta posizione l’anconetano, oggi in azione con rincorsa accorciata a nove passi. “Non posso essere contento, ma alla fine non ho fatto molto meno rispetto a quello che mi aspettavo. Come inizio ci può stare, ma che c’entra, oggi un 2,28 o meglio ancora un 2,31 mi avrebbero lasciato con un altro stato d’animo. Mi dispiace non aver imparato molto da questa gara, ma la mia condizione non è ancora al top e non ho trovato le giuste sensazioni nella rincorsa. Non ho fatto bei salti nemmeno in riscaldamento, poi in gara ho tirato fuori quel discreto 2,25 alla terza, risolto soprattutto con l’adrenalina della competizione”, ha dichiarato l’azzurro come riportato sul sito ufficiale della Federazione italiana di atletica leggera. 

gianmarco tamberi“La pedana di Rabat è nuovissima e molto morbida con folate di vento a tratti fastidiose. Durante il terzo salto a 2,28 sono un po’ scivolato allo stacco, rimediando un piccola botta al ginocchio. Tranquilli, però: ho messo subito ghiaccio per prevenzione e ora, a freddo, non sento più nulla. Ci vediamo a Roma il 2 giugno: al Golden Gala voglio arrivarci molto più in forma e volare subito oltre i 2,30!”, ha concluso Fassinotti.