Lunedi 5 Dicembre

Argentina, porte (quasi) in faccia a Icardi. Martino: “ecco cosa penso di Maurito…”

LaPresse Valter Parisotto

Il Commissario tecnico dell’Argentina Martino sembra voler (nuovamente) chiudere le porte in faccia a Icardi: “mi piace, la concorrenza è tanta”

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Icardi-Argentina, convocazione lontana – Se Mauro Icardi non trova spazio nella nazionale maggiore non è per questioni di gossip. Gerardo Martino, ct dell’Argentina, prova a tendere la mano all’attaccante nerazzurro che nei giorni scorsi si era lamentato della scarsa considerazione del Tata. Icardi è in corsa per i Giochi di Rio e lo è per il suo ruolo nell’Inter, per esserne il capitano e per il fatto che segna 15-20 gol a stagione – sottolinea Martino – Mi piace questo profilo di calciatore e quando decido le convocazioni mi baso solo sul campo e sugli altri giocatori che occupano la stessa posizione. E oggi, per il ruolo di centravanti, c’è molta concorrenza“. A partire da Aguero e Higuain, che stanno vivendo una stagione incredibile e che saranno di sicuro nella rosa per la Coppa America.

LaPresse/Alfredo Falcone

LaPresse/Alfredo Falcone

Icardi-Argentina, convocazione lontana – “Non considero l’uno davanti all’altro, sono due giocatori eccezionali: fare 30 gol in una stagione può succedere, la cosa più difficile è confermarsi ed entrambi lo fanno anno dopo anno“. Per quanto riguarda la stessa Coppa America, l’Argentina è attesa da un girone difficile. “Il Cile è campione in carica, la Bolivia ha avuto delle difficoltà ma ha giocatori che si impegnano al meglio. Stiamo studiando Panama e anche se c’è un certo divario, bisogna poi vedere cosa succede nei 90 minuti”, avverte Martino, che potrà contare anche su Messi che invece “ai Giochi non ci sarà, una cosa è il nostro desiderio, un’altra il permesso del Barcellona“. “Cosa succederebbe se non ci qualificassimo ai prossimi Mondiali? Mi dovrei suicidare – sorride il Tata – Sarebbe un fallimento. Ma bisogna anche vincere qualcosa”.