Mercoledi 7 Dicembre

Vidal, gioia Bayern Monaco: ma il Benfica resta in corsa

LaPresse/Reuters

Una rete di Vidal dopo appena due minuti di gioco strada la spiana al successo del Bayern Monaco: ma il Benfica visto all’Allianz è ancora in corsa per la qualificazione

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Ci pensa Vidal, ma la trasferta di Lisbona, tra 8 giorni, sara’ tutto fuorche’ una formalita’. Vince il Bayern 1-0 e rispetta il pronostico, pero’ il Benfica – considerata assieme al Wolfsburg la squadra meno dotata delle magnifiche otto – dopo una partenza da brividi (il cileno va in gol dopo nemmeno 120 secondi) se la gioca praticamente alla pari sfiorando, nella ripresa, l’1-1. All’Allianz Arena, nell’andata dei quarti di Champions League, va dunque in scena una partita molto piu’ equilibrata del previsto, con il Bayern che conferma – dopo la qualificazione rocambolesca con la Juventus – di non essere il rullo compressore dei mesi scorsi. Eppure l’avvio era stato dei piu’ promettenti: l’incursione di Vidal sul cross di Bernat frutta l’1-0 che sembra spianare la strada, anche perche’ se il Benfica resta in partita e’ merito di Ederson, bravo in anticipo su Lewandowski, addirittura miracoloso su Mueller.

Poi i portoghesi pian piano alzano la testa, tagliano i rifornimenti a Lewandowski e Mueller, limitano la velocita’ di Ribery e Douglas Costa e possono persino recriminare per un mani di Lahm in area che il polacco Marciniak giudica involontario. Vidal ci prova ancora prima dell’intervallo, ma l’ex juventino, il migliore dei suoi, e’ decisivo anche nella sua area quando respinge il sinistro a botta sicura di Gaitan. Il ritmo del Bayern risulta gestibile per un Benfica che adesso difende piu’ alto e graffia, spaventando Guardiola: Neuer ci mette la manona su Jonas, poi l’attaccante brasiliano (che saltera’ il ritorno per squalifica), in coppia con Mitroglu, trovano sulle loro traiettorie Javi Martinez e l’immancabile Vidal. La carta Coman (per Douglas Costa) non sortisce gli stessi effetti visti con la Juve, ma nel finale si rivede il Bayern: Ederson, sostituto dell’infortunato Julio Cesar, mura Ribery, mentre e’ clamoroso l’errore di Lewandowski che, tutto solo, sbaglia l’appoggio comodo comodo per Lahm che avrebbe segnato a porta vuota. Il Bayern vince di misura, il Benfica va ko ma gonfia il petto: puo’ ancora giocarsela. (ITALPRESS).