Sabato 3 Dicembre

Vandoorne sogna un sedile in F1, Boullier frena: “a Shanghai speriamo torni Alonso”

LaPresse/Photo4

Eric Boullier però frena su questa possibilità, rimandando ogni discorso alla prossima stagione

Un esordio col botto, condito da una prestazione superba e un decimo posto che gli vale già il primo punto in carriera. Stoffel Vandoorne ha stupito tutti al Gran Premio del Bahrain, sorprendendo addetti ai lavori e appassionati per la naturalezza con cui ha gestito le varie situazioni presentatesi in gara.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

A Shanghai, tuttavia, Fernando Alonso dovrebbe tornare al suo posto, obbligando il pilota belga a tornare in pista non in Formula 1 bensì nel campionato Superformula giapponese. “Siamo contenti di aver verificato che il nostro sistema di preparazione dei giovani piloti funziona molto bene – sottolina Eric BoullierStoffel ha completato un weekend impressionante, senza commettere alcun errore nonostante sia arrivato in pista solo venerdì mattina per familiarizzare con una monoposto mai guidata in precedenza. Senza eventi particolari il programma di Stoffel in Formula 1 è da pianificare per il 2017 – ha chiarito Boullier – con noi o anche in altri team. È prematuro parlarne oggi, ma tutte le possibilità saranno valutate”.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Boullier sembra deciso a non modificare la coppia di piloti McLaren per questa stagione: “abbiamo come titolari due piloti campioni del Mondo e se non ci saranno imprevisti i nostri programmi non varieranno. Ora però sappiamo che in caso di necessità possiamo contare su una riserva molto buona. Stoffel non potrà che migliorare, e per lui correre in Cina sarebbe un’opportunità per fare ancora meglio, ma è un’eventualità che non ci auguriamo”. Come si dice, però, l’appetito vien mangiando e adesso Vandoorne non ha più voglia di abbandonare il circus: “dopo questo fine settimana desidero ancora di più avere un sedile da pilota titolare in F.1. E’ una cosa per cui sto spingendo da molto tempo a questa parte. Credo che domenica, ma più in generale per tutto il fine settimana, ho mostrato di essere capace di fare questo lavoro.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Ora però dovrò aspettare per vedere cosa accadrà nel prossimo futuro. Per me è stato un fine settimana grandioso e portare a casa un punto è davvero un gran risultato. Non avevo alcuna esperienza, non ho mai fatto test su questa vettura ed è difficile fare un buon lavoro in queste condizioni. Fin dall’inizio del weekend mi sono sentito a mio agio in macchina e sapevo di poter ottenere un buon risultato se non avessi commesso errori ed è esattamente quello che è accaduto domenica. Ho massimizzato la mia opportunità. Per me questo rimarrà un ricordo indimenticabile – conclude Vandoorne – sin da piccolo ho sempre sognato di essere in Formula 1 e di avere un’opportunità, magari sfruttandola al massimo. Così è andata ed è davvero una sensazione grandiosa“.