Sabato 10 Dicembre

Two handled racket: tutto quello che c’è da sapere sulla racchetta a due manici [FOTO]

Tutto quel che c’è da sapere sulla two handled racket passata alla ribalta quando utilizzandola Brian Battistone riuscì a sconfiggere Fognini

Non è un progetto del futuro ma esiste davvero. Con questa racchetta, in un incontro di doppio, è stato battuto nientepopodimeno che  Fabio Fognini!  Siete curiosi di saperne di più? Ecco tutto quel che c’è da sapere sulla double handled racket!

La sua storia:

E’ un’invenzione di Lionel Burt, ex golfista canadese emigrato in California.  Lionel iniziò a giocare a tennis passandosi la racchetta da una mano all’altra per bilanciare il corpo e lenire così il mal di schiena. Gli venne l’idea di crearne una con 2 manici. Ci mise 18 anni per svilupparla e decise di chiamarla “the natural”. Nel 2007 fondò insieme a Dann Battistone e Brian Battistone la Natural Tennis che detiene tuttora i diritti per produrre la racchetta.

Come si usa:

Oltre a tutti i colpi di una racchetta tradizionale si possono effettuare sia il dritto sia il rovescio a due mani (tenendo una mano per ogni manico). E’ possibile inoltre giocare un dritto con la mano sinistra.

I suoi vantaggi:

racchetta due manici (5)La si consiglia perché rispetta la simmetria del corpo umano permettendo di giocare di dritto o a 2 mani da entrambi i lati. Porta inoltre degli effettivi vantaggi sul gioco: ad esempio sul rovescio bimane si possono tenere le mani parallele (una per ogni manico) quindi si riesce ad arrivare su palle più lontane e a tirare più forte. Grazie ai manici angolati si possono  ottenere traiettorie diverse e maggiore rotazione. Nel servizio il piatto corde è già inclinato per schiacciare meglio  la palla verso il terreno. Nei recuperi laterali è possibile usufruire di un colpo chiamato “flip shot” che permette nei recuperi laterali di ruotare la racchetta di 180° invertendo l’angolazione dei manici e aumentandone il raggio di azione.

In sintesi:

-più potenza
-più estensione in allungo
-più opzioni nella scelta dei colpi
-più rotazioni
-maggior rispetto della simmetria del corpo umano

Gli svantaggi:

Passare dalla racchetta tradizionale alla racchetta a 2 manici richiede un periodo di adattamento per abituarsi alla distanza di palla e all’angolazione dei manici. Per i principianti invece tale problema non si pone.

Peso e lunghezza:

Non è più pesante delle altre racchette. La versione di lunghezza standard è 305 grammi, quindi mediamente come le altre racchette agonistiche, poi esistono versioni più lunghe e più pesanti che possono arrivare a 328 grammi.

I modelli in commercio:

racchetta due manici (3)Ci sono 2 modelli in produzione: la Freestyle, che è l’evoluzione della Natural (con i manici a V) e la Diamond (con i manici a rombo). Con i modelli con il manico a V (Natural e Freestyle) si usa il manico interno per servire, mentre con la Diamond si usa il manico esterno.

Ogni modello viene prodotto in lunghezze e pesi differenti. Inoltre è possibile montare il doppio manico a qualsiasi racchetta, scegliendone anche la lunghezza e il grado di angolazione dei manici.

Dove trovarla:

La ditta che la produce è la Natural Tennis e il suo sito è www.naturaltennis.com
La pagina 1Facebook della Natural Tennis è www.facebook.com/NaturalTennis

I prezzi:

Il prezzo di listino è 220$ ma sono molti gli sconti e le promozioni che  permettono di abbattere i costi notevolmente.

Giocatori che la utilizzano:

racchetta due manici (4)Le persone che la usano in tutto il mondo sono più di mille, di cui circa una ventina in Italia. In totale ad oggi ne sono state vendute circa 4 mila e sono in continua produzione.
I giocatori che attualmente la usano nel circuito Futures sono 5 e ci sono stati altri tennisti professionisti in passato.
Il giocatore che ha raggiunto la classifica più alta con la racchetta a 2 manici è Brian Battistone che è arrivato al numero 88 ATP in doppio e ha giocato per 2 anni gli US Open (in carriera vanta 2 vittorie su John Isner in doppio e sempre in doppio una vittoria su Fabio Fognini).
Brian Battistone è anche famoso per il servizio al salto simile a quello della  pallavolo.Al momento del lancio della palla tiene la racchetta nella mano sinistra per poi passarsela velocemente nella destra per concludere la battuta.

racchetta due manici (1)Roberto Franchin, giovane istruttore di primo grado, ci racconta la sua esperienza personale con questa racchetta davvero particolare: “fino ai 18 anni mi allenavo con una normale racchetta poi, a fine 2008 sono passato a quella a 2 manici. Fino a quel momento la mia classifica FIT era 4.5. Dal 2008 non ho più preso una lezione di tennis eppure la mia classifica è passata a 3.2. Ho trovato vantaggi in tutti gli aspetti del mio gioco, soprattutto nel rovescio, nel servizio e nei colpi al volo. Inoltre adoro particolarmente il “flip shot”. Il dritto con la sinistra solo per ambidestri? No, non è necessario. E’ sufficiente esercitarsi da principianti. Rafael Nadal ad esempio è destro ma gioca con la sinistra perché così gli hanno insegnato oppure Carlos Moya è mancino ma gioca con la destra. La stessa cosa avviene per i calciatori o i nuotatori, un calciatore destro tira anche di sinistro e viceversa. I nuotatori lo stesso: utilizzano entrambe le braccia per nuotare, non una sola.!

Non potevamo però non chiedergli quali siano le reazioni della gente nel vederlo presentarsi in campo con una racchetta così! :“c’è chi ne coglie subito i vantaggi, chi è curioso e vuole prenderla in mano o scattare foto, chi chiede se è regolamentare (io giro sempre col certificato ITF dentro il borsone) e chi la critica e la ritiene un’assurdità. La cosa più bizzarra che mi è stata detta è stata “Riesci a trovare l’acqua con quel coso?” (riferendosi alla somiglianza tra la racchetta a 2 manici e la bacchetta del rabdomante).