Giovedi 8 Dicembre

Tennis – Wimbledon, Roland Garros e Rio2016: quali sono le priorità e i sogni di Roger Federer?

LaPresse/PA

Il tennista svizzero numero 3 del ranking ATP, Roger Federer, fa il punto della situazione sulla sua stagione e sui suoi obiettivi per il futuro

LaPresse/Xinhua

LaPresse/Xinhua

Roger Federer è finalmente tornato dal lungo stop nel torneo di Montecarlo. Master 1000 monegasco che si è concluso ai quarti di finale certo, ma che è stato giocato per certi versi, più come un test di valutazione per il completo recupero dall’infortunio che per puntare al titolo finale. Federer intervistato dal quotidiano spagnolo Marca ha parlato a 360 gradi di ciò che lo aspetta e della sua stagione attuale.

LaPresse/ Adam Davy/PA Wire

LaPresse/ Adam Davy/PA Wire

Il tennista svizzero ha analizzato inizialmente le difficoltà in merito ai continui cambi di programmazione: “non è così dura perchè noi tennisti siamo nati per essere flessibili. Mi ricordo che quand’ero junior potevo arrivare a giocare tre partite al giorno per via della pioggia. Sono uno molto ordinato e se devo cambiare i miei piani lo faccio prestando attenzione all’infortunio e alla mia famiglia. È stata dura giocare da fermo a Brisbane e stare in salute solo in Australia visto che a Monte Carlo tornavo da una lunga pausa“.

Roger ha poi ironizzato sul suo infortunio: “ovviamente sono più attento quando vado a fare i movimenti (ride). Sinceramente credo che si sia trattata di sfortuna perchè non ho fatto nessun movimento strano. Potevo farmi male lavandomi i denti o mettendomi le calze“.

Roger+Federer+Brisbane+International+Day+5+2eDvf9mRdOGlTornando serio, il tennista numero 3 al mondo ha parlato di Wimbledon, Roland Garros e Rio2016, gli impegni principali della stagione: “l’importante per me è non infortunarmi in estate. Da Parigi fino a settembre mi piacerebbe sentirmi bene perchè c’è molto in ballo, molti punti per il ranking, sogni da realizzare, titoli da vincere. Non voglio giocare molti tornei, ma quanto basta per sentirmi competitivo. Dopo l’operazione, la mia testa sente che devo arrivare in piena forma fisica al Roland Garros. Devo esser capace di giocare sette partite in due settimane al meglio dei cinque set. Parigi e Wimbledon sono gli obiettivi più vicini. Rio è molto lontano.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Domanda finale: si sente pronto a vincere un altro Grande Slam?, Federer risponde:mi sento pronto per tornare a vincere un Major. Ci sono andato vicino a Wimbledon e agli US Open. Anche all’Open d’Australia. Onestamente credo di aver giocato a un gran livello nelle ultime due stagioni. Mi sono mosso perfettamente in campo. La nuova racchetta che mi ha fatto Wilson mi ha aiutato perchè mi ha permesso di  giocare più facilmente e di colpire più forte specie col rovescio. La velocità del servizio è più alta producendo meno sforzo”.