Mercoledi 7 Dicembre

Tennis, Nadal sereno tra un allenamento e l’altro: “Djokovic? Implacabile”

LaPresse/Xinhua

Nadal in vista del Master 1000 di Montecarlo, rilascia delle dichiarazioni in merito al suo momento di forma, al Roland Garros e alla forza di Djokovic

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Rafael Nadal si allena ormai da un paio di giorni a pieno ritmo sull’amata terra rossa di Manacor in vista del Masters 1000 di MonteCarlo che scatterà per lui ufficialmente mercoledì 13 aprile. Il tennista maiorchino ha ritrovato la piena forma fisica e in maniera consequenziale anche la tranquillità di affidarsi alle sue abilità: “ogni torneo è un’opportunità. Sono contento per come mi sto allenando e per come sto giocando. Ad Indian Wells ho giocato a un livello molto alto e con tranquillità, e dopo di che non ho potuto dare continuità, mi ero disidratato“, ha commentato ai microfoni di IB3.

LaPresse/Xinhua

LaPresse/Xinhua

L’obiettivo è giocare bene, essere pronto e stare meglio settimana dopo settimana. I tornei su terra sono favorevoli per me, in passato mi è andata bene, lì ho avuto i migliori successi della mia carriera, ma sono molto difficili fin dal primo turno. Il Roland Garros? È lontano, nella mia carriera non ho fatto altro che pensare giorno per giorno. È il modo per realizzare cose importanti. Prima ci sono quattro tornei molto importanti e se farò bene lì, al Roland Garros sarà tutto meno complicato“, ha dichiarato il tennista spagnolo.

LaPresse/XinHua

LaPresse/XinHua

Due mesi dopo la conclusione dello slam parigino ci saranno le Olimpiadi di Rio de Janeiro e Nadal è uno dei principali candidati a ricoprire il ruolo di portabandiera per la Spagna, dopo la delusione del forfait all’ Olimpiade del 2012: “non lo decido io. Se dovrò farlo sarò entusiasta ma ci sono molti sportivi che meritano questo riconoscimento. Io spero di essere il portabandiera, l’Olimpiade del 2012 è stato il torneo a cui mi è costato di più rinunciare”. In merito allo strapotere mostrato da Novak Djokovic nell’ultimo periodo, Rafa dichiara: “sta facendo registrare tantissima differenza tra lui e il resto. È impossibile da fermare e bisogna fargli i complimenti. Quando uno è molto bravo e non hai niente che ti ferma, come gli infortuni, diventa una combinazione abbastanza letale”.