Venerdi 9 Dicembre

Saul fa sorridere l’Atletico, il Bayern adesso trema

LaPresse/EFE

L’Atletico si porta a casa la semifinale d’andata grazie ad un gol di Saul, per il Bayern adesso si fa dura

Non sara’ bello da vedere e non ha certo una rosa spaziale, pero’ in mezzo ai giganti l’unico gol nei 180′ delle semifinali d’andata lo fa l’Atletico Madrid. E che gol. Uno slalom da stropicciarsi gli occhi quello di Saul Niguez, condito da finta su Alaba e sinistro all’angolino. Con il gioiello dopo 11′ del capitano dell’Under 21 spagnola Simeone vince la prima sfida con Guardiola, nonostante il furioso ritorno del Bayern Monaco nella ripresa (traversa di Alaba): ancora tutto in bilico, ma l’Atletico all’Allianz tra sei giorni potra’ impostarla nel modo che preferisce, difesa e contropiede da manuale, come nell’azione che ha portato al palo centrato da Torres quasi allo scadere.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

L’Atletico (Savic per l’infortunato Godin, Torres-Griezmann in attacco) parte fortissimo, il Bayern assiste quasi incredulo. E se Torres e Griezmann fanno il solletico a Neuer, all’11’ Saul fa esplodere il Calderon: ne dribbla tre il 17 di Simeone prima di indovinare il sinistro a giro che non lascia scampo al portierone tedesco. La risposta del Bayern – con Coman per Ribery e Thiago Alcantare per Mueller, Lewandowski unica punta – e’ immediata: incursione di Vidal, salva quasi sulla linea Gimenez; poi, guizzo di Douglas Costa, solo esterno della rete. Dubbi su un braccio in area di Fernandez sul tiro di Lahm: tutto regolare per Clattenburg. Al 30′ Neuer super sull’affondo di Griezmann, il tacco di Koke, servito dall’imprendibile Saul, e’ deviato in angolo da Xabi Alonso. Altro atteggiamento in avvio di ripresa del Bayern, neppure tanto fortunato perche’ un sinistro strepitoso di Alaba dai 35 metri centra in pieno la traversa, mentre lo stacco di Javi Martinez costringe Oblak alla grande parata. L’Atletico e’ alle corde, incapace di contrastare la furia bavarese. Lewandowski e’ impreciso, poi Guardiola lancia Ribery e Mueller, Douglas Costa invece sbaglia il pallonetto (71′) e Vidal impegna Oblak (74′). Nel momento piu’ complicato dei colchoneros, prima iniziativa Griezmann-Torres: il palo dice no al Nino, poi Koke potrebbe fare meglio. L’ultima opportunita’ e’ sui piedi di uno sfinito Vidal: Oblak ringrazia e chiude ancora la sua porta a chiave. Il primo round se lo aggiudica il Cholo, vedremo la risposta di Guardiola. (ITALPRESS).