Domenica 4 Dicembre

Robin Li, 14,1 miliardi di motivi per acquistare il Milan: ecco il magnate cinese pronto a rilevare il club

Lapresse / Xinhua

Il miliardario cinese Robin Li sarebbe intenzionato seriamente ad acquistare il Milan per una cifra vicina ai 700 milioni

LaPresse/Piero Cruciatti

LaPresse/Piero Cruciatti

Messa da parte la telenovela Mister Bee, finita in un clamoroso buco nell’acqua dopo mesi di fumo negli occhi ai tifosi rossoneri, Silvio Berlusconi cerca nuovi acquirenti interessati (seriamente) a rilevare l’A.C. Milan. La rotta è sempre la stessa, si naviga verso l’estremo oriente, la nuova frontiera dell’imprenditoria, il nuovo mondo che si affaccia anche al mercato calcistico, deciso con famelica volontà a farne da padrone. Non più Thailandia questa volta, ma Cina. Secondo quanto riporta il Corriere dello Sport, sarebbe interessato al Milan il magnate cinese Robin Li, re dell’internet dell’estremo oriente e sesto uomo più ricco della Cina.

Robin LiA rendere plausibile la notizia, sarebbe la cifra offerta da Robin Li a Berlusconi: si parla di 700 milioni che sono 300 in meno di quelli “sparati” da Mister Bee, ma restano comunque tanti con debiti annessi. Altro elemento utile a dar fiducia al nuovo possibile acquirente, è la natura economica: Mr Bee era un broker, si occupava del denaro di altri, aveva bisogno di una cordata alle sue spalle. Roibin Li possiede un patrimonio stimato da Forbes di circa 14,1 miliardi di dollari. Il magnate cinese ha costruito le sue fortune grazie a “BAT” il più grande colosso internet della Cina: è l’acronimo di Baidu, Alibaba e Tencent, i tre principali motori di ricerca della Repubblica Popolare. Non solo motori di ricerca, ma anche e-commerce, food delivery (consegna alimentare a domicilio), acquisti online di spettacoli cinematografici e teatrali e la società Hanergy specializzata in fotovoltaici ed energia rinnovabile fanno parte dell’impero di Robin Li.

Il cinese avrebbe incassato il benestare direttamente da Silvio Berlusconi e soprattutto sarebbe una figura gradita a Xi Jinping, presidente della Repubblica Popolare Cinese e segretario del Partito Comunista, grande appassionato di calcio e desideroso di vedere una figura a lui vicina approdare nel nostro campionato, per avere un ritorno d’immagine e far aumentare la popolarità del calcio anche in Cina. I tifosi rossoneri iniziano a sognare!