Giovedi 8 Dicembre

Retroscena Aubameyang, Damiani svela: “era praticamente della Roma, preferirono Destro”

LaPresse/Daniele Bottallo

Oscar Damiani, ex agente di Aubameyang svela che il giocatore era praticamente stato acquistato dalla Roma. Che alla fine preferì Destro…

Carpe diem. “Quando eravamo a trenta chilometri da Saint-Étienne per andare a chiudere l’operazione, il presidente mi chiamò perché non lo voleva più. Dissi che aveva preso un accordo e che avrei fatto casini in caso di mancato affare. Il Saint-Étienne lo prese e poi l’ha venduto a 15 milioni. Tuttavia Aubameyang arrivava da stagioni difficili, una squadra italiana l’aveva bloccato. Si tratta della Roma, Sabatini l’aveva praticamente preso. Poi mi chiamò e disse che non poteva più prenderlo perché c’era Destro, così Aubameyang andò al Dortmund”. A svelare il retroscena negli studi di SportItalia è Oscar Damiani, ex agente del calciatore.

Il fiuto per scovare i giovani talenti di Sabatini, l’errore da parte del Milan di lasciarsi sfuggire un attaccante oggi valutato 100 milioni di euro. “È’ stato ceduto per un milione di euro, il Borussia Dortmund adesso vuole cento milioni di euro per lasciarlo partire – le parole di Damiani riportate da TuttoMercatoWeb.com – E’ andato via giovanissimo dal Milan, a 18 anni, e per cinque stagioni ha sempre cambiato squadra, senza esplodere. Il Milan l’ha perso di vista, smettendo di seguirlo. Fino a quando arrivò il Saint-Étienne che lo prese per un milione”.