Sabato 10 Dicembre

MotoGp, Paolo Ciabatti rivela: “ecco quando Jorge Lorenzo ci ha detto si”

L’approdo di Lorenzo in Ducati nel 2017 continua a tenere banco, Paolo Ciabatti rivela il momento in cui tutto si è consumato

Un inizio di stagione non esaltante, rovinato dalla sfortuna e da alcune scelte rivelatesi disastrose ai fini dei risultati. La Ducati può consolarsi, tuttavia, con l’annuncio dell’ingaggio di Jorge Lorenzo che, dal prossimo anno, vestirà la tuta rossa per cercare di riportare a Borgo Panigale il titolo iridato.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Adesso, però, è tempo di pensare al 2016, stagione in cui il pilota spagnolo resta un avversario da tenere dietro come sottolinea Paolo Ciabatti: “vi preghiamo di comprendere che oggi Lorenzo non è ancora un pilota Ducati, è uno dei nostri più difficili avversari che cercheremo di battere con i nostri piloti attuali” sottolinea il direttore sportivo della Ducati a Speedweek.com. “Quando abbiamo aperto un nuovo capitolo con Gigi verso la fine del 2013, la Ducati aveva un piano. Abbiamo poi sviluppato una moto competitiva. E una volta che la moto è divenuta competitiva abbiamo voluto ingaggiare uno dei top rider. Con tutto il rispetto agli altri piloti, tra cui i nostri due Andrea, ci sono alcuni piloti che hanno sviluppato il loro potenziale e sono in grado di vincere i campionati del mondo ma, se si guarda al passato, Lorenzo ha vinto in sei anni tre titoli mondiali.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Abbiamo mirato a Lorenzo e Marquez – confessa Paolo Ciabatti – e per vari motivi abbiamo creduto nella possibilità di raggiungere un accordo con Lorenzo. Dopo aver parlato con entrambi i piloti, abbiamo deciso di puntare su Lorenzo”. Una scintilla scoccata in un momento decisivo della stagione: “non voglio divulgare troppi dettagli – continua Paolo Ciabatti – certo che ci sono stati contatti informali per qualche tempo. Ma è diventato più interessante al momento del GP del Qatar 2016. Perché Yamaha ha annunciato il rinnovo di Valentino Rossi, così abbiamo chiesto a Jorge e abbiamo rapidamente ottenuto la firma”.