Sabato 3 Dicembre

MotoGp, che frecciata di Lorenzo alla Yamaha: “la Honda migliora e noi no, così non va”

LaPresse/EFE

Il campione del mondo avverte la Yamaha sulla crescita esponenziale della Honda, capace di recuperare il gap di inizio stagione

Il riscatto di Jorge Lorenzo si è parzialmente compiuto in Texas, dove sul circuito di Austin è riuscito a prendersi un ottimo secondo posto che gli regala la piazza d’onore nella classifica mondiale alle spalle dell’imprendibile Marc Marquez. Lo zero arrivato in Argentina pesa per il momento sulla stagione del pilota spagnolo, alquanto nervoso nell’ultimo periodo a causa del suo futuro, sempre più rosso ‘Ducati‘.

LaPresse/Xinhua

LaPresse/Xinhua

I segnali che spingono verso questa soluzione sono molti, l’ultimo riguarda la frecciatina lanciata dallo stesso Lorenzo nei confronti della Yamaha, colpevole di non migliorare la moto nel corso della stagione. “Il mio futuro? Dipende dall’ambizione della Yamaha per migliorare la moto – riporta Marca – bisogna vedere se c’è il desiderio e l’ambizione di migliorare durante la stagione, perché la Honda sembra che lo faccia. Se miglioriamo l’elettronica, la nostra debolezza, siamo in grado di recuperare punti nelle gare d’Europa. Se però loro continuano a migliorare, sarà più complicato. A differenza di Honda, abbiamo iniziato molto bene e abbiamo mantenuto quella moto senza grandi miglioramenti, invece la Honda ha iniziato male e poco a poco si sta avvicinando. Spero che Yamaha migliori sia l’elettronica che la sensazione che abbiamo con le gomme”. Il margine di errore si è notevolmente affievolito dopo la caduta di Termas, Jorge Lorenzo sa che non sono più consentiti passi falsi: “più che in questi ultimi anni sarà importante finire le gare. Ha avuto un sapore brutto la caduta Argentina perché potevo finire punti, ma ormai è andata. Ora proverò a far sì che quella sia l’unica scivolata del campionato, anche se sarà difficile”.