Mercoledi 7 Dicembre

MotoGp – Agostini non ha dubbi: “Lorenzo in Ducati per tre ragioni precise, una di esse è Rossi”

LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

Il trasferimento di Lorenzo alla Ducati è la notizia della settimana, l’ultimo in ordine di tempo ad esprimere le sue considerazioni è Giacomo Agostini

E’ ormai il tema della settimana, più del Gp di Jerez, più dei duelli che tra poco si svolgeranno in pista, più di ogni altra vicenda. Il matrimonio ufficiale di Jorge Lorenzo con la Ducati ha monopolizzato le pagine dei quotidiani sportivi, inducendo all’intervento addetti ai lavori e non, in virtù della portata di tale trasferimento.

LaPresse/XinHua

LaPresse/XinHua

L’ultimo in ordine di tempo ad esprimere le proprie sensazioni è Giacomo Agostini, uno che di cambiamenti clamorosi se ne intende, visto che negli anni ’70 passò alla Yamaha dopo una lunga parentesi in MV Agusta. Di sicuro Lorenzo aveva almeno tre buone ragioni per cambiare aria. Per prima cosa la moto: la Ducati è valida, lo ha dimostrato in questo inizio di stagione. Lorenzo ha avuto coraggio, va bene, ma il programma e lo sviluppo lo avranno convinto” sottolinea Agostini durante un’intervista concessa alla Gazzetta dello Sport. “E poi c’è il valore del contratto: è vero che di milioni ne prendeva già molti, ma qualcuno in più non fa mai male. E, terzo motivo, gli pesava senz’altro la convivenza con Rossi. Vedere che anche quando vinci c’è più gente che acclama Vale non deve essere facile. Tutti e due devono aver pensato: io da una parte, tu dall’altra. Se ha fatto la scelta giusta? Bella domanda… Sarà più facile rispondere tra un annetto. Dopo due o tre gare del campionato 2017“. Tuttavia, secondo Agostini, la celerità con cui è stato dato l’annuncio non cambierà le carte in tavola al box Yamaha: “il team lo aiuterà, perché è una squadra seria e perché vuole vincere. Poi da un certo momento della stagione faranno le modifiche sulla moto, ma non gliele comunicheranno. E’ normale. Il pilota invece vuole vincere per se stesso, non gliene frega niente se è separato in casa. Il fatto che sia rimasto Valentino non è solo una scelta di marketing. La sua immagine è importantissima, ma lui è sempre lì. Lotta con i ragazzini di vent’anni“.

Iannone-DallIgna-Dovizioso Sul duello tra Dovizioso e Iannone per chi manterrà il posto in Ducati, Agostini infine sottolinea: “Dovizioso ha più esperienza, è più tranquillo e calcolatore. Iannone è giovane e più aggressivo. Non so cosa ne pensi Lorenzo, e nemmeno se Lorenzo influirà sulla scelta: forse ascolteranno il suo parere. E poi comunque anche Iannone ormai la sua dose di esperienza comincia ad averla