Giovedi 8 Dicembre

Moto Gp, Vinales incerto: “Valentino è sempre stato il mio idolo, però…”

Vinales incerto sul suo futuro: da una parte la voglia di imparare da Valentino Rossi, dall’altro la possibilità di essere il pilota numero 1. Quale sarà il futuro del giovane spagnolo

La stagione 2016 di Moto Gp è finalmente entrata nel vivo. I piloti sono scesi in pista per i primi due gran premi dell’anno regalando tante emozioni e tanto spettacolo. A far parlare però è anche il mercato: sono tanti infatti i piloti in scadenza di contratto che devono decidere del loro futuro. Il più chiacchierato è Jorge Lorenzo che deve scegliere se rinnovare il so contratto con la Yamaha o spostarsi in Ducati, ma si parla tanto anche di Vinales che potrebbe proprio andare nel team di Iwata nel caso in cui il maiorchino dovesse andar via.

LaPresse/Xinhua

LaPresse/Xinhua

Lo spagnolo sarebbe felicissimo di poter correre per la Yamaha, in particolar modo perchè avrebbe come compagno di squadra Valentino Rossi, da sempre suo idolo: “Valentino ha sempre parlato bene di me. Quando il vostro idolo parla bene di te, sei orgoglioso. Ti senti che stai facendo bene il tuo lavoro. Avere il compagno di squadra Valentino sarebbe fantastico. E’ sempre stato il mio idolo, per esperienza, l’immagine, per tutto… Sarebbe come scegliere un insieme di cose che mi hanno fatto crescere molto come pilota. Più che una rivalità, sarebbe un vantaggio per apprendere dalla sua esperienza, dal suo modo di lavorare. Se è stato campione molte volte, significa che c’è un lavoro dietro. Se avrò la possibilità, imparerò molto. Proverò a prendere tutto quello che si può dalla sua esperienza”, ha dichiarato il pilota della Suzuki al giornale As.

LaPresse/Xinhua

LaPresse/Xinhua

Vinales però è molto legato al suo attuale team: “in Suzuki sono felice. In realtà, la squadra mi sta dando tutto. Io dico quello che penso, che un pilota deve guardare i suoi obiettivi. Se una fabbrica ti può dare ciò che vuoi, si deve guardare la moto migliore. Anche Honda e Ducati sono buone moto. Le porte sono aperte, ma è importante fare il passo giusto al momento opportuno. Questo deciderà il mio futuro. Deciderò con calma. Non so quello che Jorge sta per decidere, ma sto pensando il mio futuro. In ogni caso, la Suzuki ha fiducia in me. In teoria qui posso essere il pilota numero uno e questa è una delle cose più importanti”, ha concluso il giovane pilota.