Mercoledi 7 Dicembre

Moto Gp, troppi errori per Crutchlow in Argentina: “avrei potuto lottare con le Ducati”

LaPresse/EFE

Cal Crutchlow commenta con un po’ di rammarico il Gran Premio d’Argentina andato di scena ieri sul circuito di Termas de Rio Hondo

E’ andato di scena ieri il secondo appassionante Gran Premio della stagione 2016 di Moto Gp. I piloti si sono sfidati sul circuito di Termas de Rio Hondo in Argentina. Una gara strana che è stata accorciata e che ha costretto i piloti ad uno stop ai box per un cambio gomme. Tante inoltre le cadute in gara, da Lorenzo ai ducatisti Iannone e Dovizioso. A trionfare è stato Marc Marquez seguito da Valentino Rossi e Dani Pedrosa.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Una seconda gara senza punti invece per Cal Crutchlow, che nonostante le diverse cadute davanti non è riuscito ad ottenere un buon piazzamento. “Naturalmente, siamo venuti qui per andare sul podio. Ho avuto il ritmo necessario per finire tra i primi tre. Ma non ce l’ho fatta. E’ andata semplicemente così”, il pilota inglese a speedweek.com. Due incidenti hanno “segnato” la gara del pilota Honda, il primo con Jorge Lorenzo: “senza quell’incidente avrei potuto correre direttamente alle spalle del gruppo di testa. Dopo la caduta ho spinto il più possibile, i miei tempi sul giro sarebbero stati decisamente migliori. Dire che sono deluso è un eufemismo…”, ha spiegato Cal.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Il secondo invece mentre tentava di superare Bradl: “non c’è nessuno a cui posso dare la colpa tranne me stesso”, ha dichiarato Crutchlow. “Non ero veloce come Marc [Marquez] e [Andrea] Iannone o [Andrea] Dovizioso , ma il mio ritmo era più o meno al livello di Valentino [Rossi]. E lui è finito sul podio … La differenza è che lui è rimasto lì davanti, mentre io ho perso posizioni. Un vero peccato. Non necessariamente potevo giocarmela con Marc, ma forse avrei potuto allinearmi con la Ducati”, ha concluso il britannico.