Sabato 3 Dicembre

Moto Gp, Meregalli dopo la decisione della Michelin: “faremo del nostro meglio”

LaPresse/Simone Rosa

Spirito positivo in Yamaha dopo la decisione di Michelin e IRTA di rimuovere la gomma posteriore dura

Dopo l’esplosione della gomma di Scott Redding durante la quarta sessione di prove libere a Termas de Rio Hondo, Michelin, Dorna, Irta e tutti i team della Moto Gp si sono riuniti per decidere come agire oggi in gara. Per la sicurezza dei piloti si è deciso di rimuovere la gomma posteriore dura in dotazione per l’Argentina.

scott redding pneumatico michelinIl clima in Yamaha è abbastanza rilassato, considerando anche che nei 30 minuti di warm-up si potrà lavorare per adattare al meglio la moto. “Rispettiamo la decisione della Michelin e dell’IRTA che mira a massimizzare la sicurezza dei piloti. Il loro benessere e la loro sicurezza viene prima di tutto. Per fortuna avremo un’ulteriore sessione di 30 minuti, durante la quale faremo del nostro meglio per adattare la moto allo pneumatico nuovo“, ha dichiarato Massimo Meregalli. “Non abbiamo altre opzioni quindi faremo del nostro meglio per ottenere le migliori prestazioni possibili con questo pneumatico. Sappiamo già che rispetto a quello che abbiamo usato finora il nuovo pneumatico avrà una performance inferiore, ma questo vale per tutti i piloti. Speriamo che il tempo sia favorevole dalla sessione del mattino fino alla gara“, ha concluso il team director della Yamaha.