Lunedi 5 Dicembre

Moto GP: Marquez il più veloce nei test di Jerez

LaPresse/EFE

Dopo la vittoria di Valentino Rossi al Gran Premio di Spagna, oggi, a Jerez de la Frontera, è stato Marc Marquez il più veloce

All’indomani del trionfale Gran Premio di Spagna per Valentino Rossi, si è svolta oggi una lunga e produttiva giornata di test a Jerez de la Frontera. Alcune scuderie dalla classe regina hanno potuto provare importanti novità tecniche e prendere confidenza con le nuove mescole Michelin anteriori. Le gomme sono un fattore fondamentale questa stagione e nei primi GP si sono rivelate la chiave del successo o dell’insuccesso per molti piloti. Il fornitore unico ha fatto debuttare in occasione dei test post gara andalusa tre nuove mescole anteriori dopo il cambio in corsa fatto sulle gomme dietro e l’introduzione della nuova gomma a carcassa più dura.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Per le scuderie il test con lo nuovo pneumatico è andato bene. Movistar Yamaha, come da previsione, ha provato diversi passaggi con il serbatoio posteriore già testato da Valentino Rossi e da Jorge Lorenzo nel precampionato e in alcune fasi dei primi quattro appuntamenti stagionali. Questa volta il bilanciamento dei pesi è stato combinato con le nuove gomme senza le pressioni del fine settimana di gara. Dopo la vittoria di domenica Rossi si è unito al gruppo solo nel tardo pomeriggio per le ultime tre ore di prove. Nonostante i suoi pochi giri il “Dottore” ha segnato il quarto tempo con 1’39″632.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Il più veloce è stato Marc Marquez, che di giri, invece, ne ha completati ben 91 giri. Il pilota della Honda Hrc ha fermato il cronometro su 1’39″313, precedendo di soli 19 millesimi la M1 di Jorge Lorenzo.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Buona prestazione anche per Maverick Viñales che con la sua Suzuki ha fermato il display sul tempo di 1’39″536. Tutti e tre sono risultati essere più veloci dei loro passaggi in qualifica sabato.

dani pedrosaDietro a Valentino Rossi, quinto tempo per Dani Pedrosa che paga mezzo secondo al compagno di squadra Marquez. Il pilota con più giri all’attivo nel lunedì andaluso è stato Tito Rabat con 94 passaggi. Presente e attiva anche la seconda scuderia Yamaha, il box Monster Tech3 ha lavorato con i due piloti Pol Espargaro e Bradly Smith sulla sospensione posteriore e come tutte le altre squadre ha provato le nuove mescole del fornitore di gomme francese. Aleix Espargaro, con la Suzuki Ecstar, durante la gara di Jerez ha debuttato con le nuove appendici aereodinamiche laterali; sia lui e sia il suo compagno di squadra Maverick Viñales hanno continuato a testare i nuovi alettoni e lavorare anche sull’elettronica. Entrambi i piloti hanno girato con il telaio del 2015 che ormai affianca quello di quest’anno come doppia scelta del box Ecstar.

apriliaDi tutte le scuderie e’ stata Aprilia Racing a provare il maggior numero di componenti; in casa Gresini ci si è concentrati su il nuovo telaio e sul nuovo forcellone ma anche su nuove parti meccaniche del motore. Ducati ha principalmente lavorato con le nuove Michelin anteriore per risolvere i problemi che hanno caratterizzato un fine settimana opaco per le scuderie con la moto di Borgo Panigale. Per il team Aspar Eugene Laverty e Yonny Hernandez hanno focalizzato l’attenzione sul miglioramento della messa a punto mentre Scott Redding, di Octo Pramac Yakhnich, ha trascorso la giornata cercando risposte ai problemi di grip sul posteriore, causa di una domenica disastrosa.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Le soluzione aerodinamiche sono state ancora una volta terreno di lavoro per il team Repsol Honda che con Marc Marquez ha provato una nuova disposizione delle “alette” anteriori presentando una RC213V con una fila di tre piccoli appendici montate verso il basso sulla carena laterale. Con il compagno di box Dani Pedrosa il leader iridato ha anche provato un nuovo forcellone. Prove simili per Cal Crutchlow, LCR Honda che ha lavorando anche con Öhlins per migliorare l’assetto delle sue sospensioni mentre un nuovo scarico e’ stato il centro della giornata del quarto team della Casa dell’ala con i piloti di Estrella Galicia 0,0 Marc VDS che hanno provato un nuovo finale simile a quello in uso alla scuderia HRC. Il risultato sarebbe una maggior stabilita’ nelle curve strette.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Non abbiamo avuto tante cose da provare oggi, solo alcuni piccoli dettagli. Abbiamo provato la moto nella versione 2016 con un serbatoio diverso. Per il resto, la cosa più importante è stato il pneumatico anteriore per la Michelin” spiega Valentino Rossi al termine della giornata di test. “Abbiamo provato tre gomme anteriori differenti, e abbiamo trovato qualcosa di buono; che era la cosa più importante. Mi sentivo meglio con il serbatoio del carburante standard tanto che penso che continueremo con quello normale” conclude il “Dottore”. Soddisfatto dei test anche il suo compagno di squadra e rivale Jorge Lorenzo. “E’ stata una giornata particolarmente importante per noi. Abbiamo cercato una diversa impostazione per girare meglio in curva e penso che abbiamo fatto un grande miglioramento. Poi abbiamo provato alcune piccole cose ma niente ha dato un miglioramento“, dice il mallorchino. (ITALPRESS).