Giovedi 8 Dicembre

Moto Gp, il dubbio amleitico: Maverick Si. Vinales No.

LaPresse/EFE

Amleto e il campioncino della Suzuki, Maverick Vinales: il dubbio è Valentino. Che fare?

Maverick Sì. Vinales No. Yamaha. Suzuki. Valentino? Jarvis o Brivio? Tutti aspettano la grande decisione. Ormai sembra che i giochi della MotoGp si faranno seri soltanto dopo che Maverick Vinales avrà deciso quale sarà il suo futuro, in che scuderia correrà il prossimo anno, quale sarà il team del suo futuro prossimo venturo. Lorenzo si è accasato a Borgo Panigale. Il suo posto è vacante. È un posto importante. E al contempo, impegnativo. I rivali di Rossi, solitamente, non fanno una buona fine. Oscurati dal sole del DioVale, o destinati all’esilio per delitto di lesa maestà: altre possibilità non ci sono, o almeno questo racconta la storia.

LaPresse/Xinhua

LaPresse/Xinhua

Maverick, infatti, ci sta riflettendo seriamente. La sua paura, più che comprensibile, è quella di finire “sbranato” dalla forza di Valentino, suo prossimo possibile vicino. Valentino ha carisma, titoli, voce, importanza mediatica, sponsor. Tanto bagaglio può uccidere un talento emergente, soffocarlo, farlo svanire. Togliendo di mezzo, così, un possibile rivale di domani. Valentino compagno di scuderia non è roba da principianti. Con lui dall’altra parte dei box soffrono anche plurititolati campioni del mondo. Con lui, non basta vincere per essere i migliori in scuderia. Affatto.

vinales rossiValentin riconosce il talento, immediatamente, e se non riesce a farlo diventare amico (e quindi perdente) lo affronta a muso duro, disposto a tutto (vedi alla voce Marc Marquez). Valentino non è certo Pedrosa. In tutti i sensi. Decidere di entrare a far parte del team Yamaha, per Vinales, può voler dire imparare tanto da Valentino, ma può anche voler dire essere “cancellato” dal paragone continuo, e giocato su più fronti, col campione di Tavullia. Ecco perché Maverick Vinales è amleticamente indeciso sul da farsi. Fra pochi gran premi sapremo cosa avrà deciso il suo cervello di fine pilota all’arrembaggio.