Giovedi 8 Dicembre

Moto Gp, Dovizioso non si allarma: “sono riuscito a far tornare la Ducati competitiva”

LaPresse/Alessandro La Rocca

Andrea Dovizioso sicuro di sè. Il pilota Ducati sereno e tranquillo dopo l’ufficialità del passaggio di Lorenzo nel team di Borgo Panigale

Dopo una pausa di due settimane, tornano le emozioni della MotoGp che, in questo week-end, sbarca a Jerez De La Frontera per il quarto appuntamento stagionale. I favori del pronostico ricadono sul leader della classifica iridata, quel Marc Marquez capace di mettersi in tasca le ultime due gare in Argentina e Austin, rendendosi autore di un avvio di campionato eccezionale. In Spagna, però, sia le Yamaha che le Ducati vanno in cerca di riscatto, a partire da Jorge Lorenzo che vorrà dimostrare a tutti di essere concentrato sulla stagione in corso e non sulla prossima, che lo vedrà in sella al team in ‘rosso’.

LaPresse/Alessandro La Rocca

LaPresse/Alessandro La Rocca

Preoccupato Andrea Dovizioso? “Tutto quello che sta succedendo in Ducati è normale è giusto, cercare uno dei tre piloti che ha vinto negli ultimi anni il mondiale è il momento, perchè siamo riusciti a fare una gran bella moto, è normale che cerchi sempre di più su tutto“, ha spiegato il ducatista ai microfoni di Sky Sport .

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

“In questo momento sono molto sereno perchè so quello che ho fatto in questi 4 anni, sono riuscito a far tornare la Ducati competitiva a tal punto da prendere il campione de mondo in carica, vediamo in futuro nel senso che adesso sono focalizzato sui risultati, come lo sono stato nelle prime tre gare e poi vedremo la mentalità di Ducati e nostra se andrà nella stessa direzione“, ha aggiunto Dovizioso.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Io valuto la possibilità di rimanere in Ducati perchè è come se fosse un progetto finito a metà, perchè ho fatto i primi anni in cui abbiam sofferto molto ma adesso siamo riusciti a ritornare competitivi, abbiamo una moto ocon una buona base, sarebbe bello continuare a lavorare insieme e avere la stessa moto di Jorge”, ha concluso il ducatista.