Sabato 3 Dicembre

Moto Gp, caduta Iannone-Dovizioso: il commento di Luigi Dall’Igna

Luigi Dall’Igna commenta quanto accaduto domenica sul circuito di Termas de Rio Hondo tra le due Ducati

E’ andato di scena domenica il secondo Gran Premio della stagione 2016 di Moto Gp. A trionfare in Argentina è stato Marc Marquez, seguito da Valentino Rossi e Dani Pedrosa. A far parlare, ormai da due giorni, è però la caduta delle due Ducati ad un passo dal traguardo.

Iannone-DallIgna-DoviziosoAndrea Iannone ha, forse, azzardato un sorpasso sul suo compagno di squadra, facendo fuori se stesso e Dovizioso. Ovviamente non tutti hanno ancora digerito quanto accaduto, anche se in casa Ducati si sta cercando di placare gli animi e concentrarsi sul prossimo Gran Premio. “Poteva essere una giornata meravigliosa, la doppietta di Davies in Superbike, la vittoria di Mercado in Supersport e noi che in quel punto eravamo secondi e terzi, ma invece lì non siamo mai arrivati”, queste le parole di Luigi Dall’Igna dopo la gara di domenica.

dall'ignaSe uno può vincere deve provarci, ma se non può permetterselo, deve mettersi in testa che terzo è un bel risultato”, ha continuato Dall’Igna facendo intuire quindi che Iannone non doveva forzare così tanto. “Parlare a caldo non è mai giusto, lo faremo con calma”, ha aggiunto il direttore generale di Ducati Corse. “Qui non c’è una poltrona per due, siamo qui per vincere il campionato del mondo e loro due sono qui per questo, non mi servono altri ragionamenti. La squadra è compatta, i piloti fanno ovviamente il loro interesse, ma deve prevalere quello Ducati, che ci paga”.