Giovedi 8 Dicembre

Lasagna-gol, Empoli ko: per il Carpi salvezza più vicina, Verona retrocesso in Serie B

LaPresse/Alessandro Fiocchi

Un rete di Kevin Lasagna regala al Carpi tre punti fondamentali per la lotta salvezza: Empoli sconfitto e Hellas Verona aritmeticamente in Serie B

LaPresse/Alessandro Fiocchi

LaPresse/Alessandro Fiocchi

Carpi-Empoli, il racconto – Tre punti sul Palermo a tre giornate dalla conclusione. Se il Carpi si salverà, molto del merito sara’ di Kevin Lasagna, che a 5′ dalla conclusione decide con una prodezza la sfida del ‘Braglia’ contro l’Empoli ormai salvo. Gli emiliani emiliani salgono a 35 punti, portandosi così a +3 dal terz’ultimo posto in classifica, occupato dai rosaneri, che soccombono anche nella differenza reti; i toscani invece, costretti a giocare oltre un tempo con l’uomo in meno per l’espulsione di Mchedlidze, restano fermi a quota 42. In virtù di questo risultato, il Verona è’ matematicamente retrocesso in Serie B. Castori, privo degli indisponibili Gnahore’ e Brkic, ripropone Mbakogu punta unica con il sostegno, sulla trequarti, di Lollo. Senza gli infortunati Laurini, Tonelli, Livaja e Skorupski, Giampaolo risponde con il tandem offensivo composto da Mchedlidze e Pucciarelli e con Saponare appena dietro. Tra i pali c’è Pelagotti. Che, dopo soli 8′, fa vedere di che pasta è fatto, volando per disinnescare uno stacco di Mbakogu su punizione di Pasciuti. La partita non offre grande spettacolo, gli emiliani tradiscono un po’ di nervosismo in fase di impostazione ma. Al 25′, ecco l’episodio che cambia lo spartito dell’incontro. Michedlidze si sbarazza con una manata di Crimi per difendere il pallone, Valeri sembra propenso all’ammonizione ma Manganelli, uno dei due assistenti, gli consiglia di cambiare colore ed optare per il rosso. Castori entra in campo per chiedere spiegazioni e viene a sua volta allontanato. Nonostante l’inferiorita’ numerica, i toscani non arretrano ed anzi, al 42′, si rendono pericolosi con Buchel, autore di una bella azione personale conclusa però tra le braccia sicure di Belec. (ITALPRESS)

LaPresse/Alessandro Fiocchi

LaPresse/Alessandro Fiocchi

Carpi-Empoli, Lasagna decisivo – Mbakogu, prima dell’intervallo, se la prende con Valeri per un presunto placcaggio di Cosic che sarebbe costato al difensore ospite il secondo giallo. Nella ripresa, al 4′ Saponara tenta il tiro a giro senza fortuna, poco dopo Di Gaudio replica con una conclusione da dimenticare. I padroni di casa non riescono a capitalizzare l’uomo in più e al 9′ Pucciarelli si vede annullare una rete per un fallo su Gagliolo, Castori mette dentro Lasagna ma la chance migliore a Mbakogu, che al 18′, in tuffo, inzucca senza trovare lo specchio. Aumenta la pressione del Carpi, anche se manca la necessaria lucidità, e Romagnoli, da angolo, vola in cielo e di testa fa sbattere la sfera sulla parte alta della traversa. Gli ospiti però non stanno a guardare e anzi impegnano Belec, severamente al 26′ con un gran destro di Pucciarelli, e 31′ con un tiro senza pretese di mario Rui. Il Carpi passa al 4-4-2 per ritrovare smalto e Lasagna, al 38′, è bravissimo nel chiamare alla ‘paratona’ Belec (e sull’angolo che ne scaturisce, Letizia non trova la porta). Ma l’attaccante di casa si riscatta a 5′ dalla conclusione: l’assist di Pasciuti e’ al bacio, la sua spaccata da bomber vero. Vantaggio del Carpi e festa al ‘Braglia’, con un finale caratterizzato da una richiesta, vana, di un rigore di Pucciarelli per un tocco in area di Poli e dal doppio giallo a Lollo che rimette in parità le due squadre nel recupero. (ITALPRESS)