Lunedi 5 Dicembre

Juventus, Zaza si gode il suo primo scudetto: “il mio gol al Napoli è stato fondamentale”

LaPresse/Fabio Ferrari

Dopo la conquista del suo primo scudetto, Simone Zaza non si accontenta e punta a vincere la Tim Cup e a giocare un grande Europeo

Non ha giocato forse quanto sperava ma ogni volta che è entrato in campo ha fatto la sua parte e, cosa non da poco, ha probabilmente segnato lui il gol scudetto. Simone Zaza non dimenticherà mai quel sinistro col quale, a pochi minuti dalla fine, ha steso il Napoli permettendo alla Juve di balzare in testa.

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Abbiamo vinto il campionato con tanti punti di distacco – commenta l’attaccante ai microfoni di Sky Sportma quello è il gol che ci ha permesso di staccarci dal Napoli. Penso che sia stata una batosta per loro dal punto di vista psicologico e un’iniezione di fiducia per noi“. Abituato negli anni scorsi ad essere un titolare inamovibile, entrare spesso dalla panchina non è facile “ma ho vinto il mio primo scudetto, quindi la stagione è positiva. Non ho rimorsi né rimpianti, perchè quando sono stato chiamato in causa, a parte la partita contro il Genoa quando sono stato espulso, ho dato sempre il massimo e penso di aver fatto bene. Chiaramente spero di poter giocare sempre di più qui alla Juve, anche se è normale che con tanti compagni di reparto forti sia difficile trovare spazio. Se sono migliorato? Allenandosi con dei campioni non potrebbe essere altrimenti.

20150325_zaza_immobile_italia Ho imparato a usare meglio il destro, a giocare in un modulo con due punte, ad essere più paziente. Devo crescere ancora sotto tanti aspetti dal punto di vista tecnico e per quanto riguarda il carattere devo dosare meglio le mie emozioni“. La stagione ha già regalato a Zaza soddisfazioni importanti, ma non è ancora finita. Ci sono ancora una finale di Coppa Italia e un Europeo da vivere intensamente: “spero di far parte del gruppo azzurro – conclude – perchè ho fatto con il mister e i compagni un percorso di due anni durante il quale siamo cresciuti molto, anche se l’ultima partita non è andata bene e ha evidenziato i nostri difetti. Siamo una bella squadra, siamo uniti e se daremo il meglio di noi potremo fare un buon Europeo“. (ITALPRESS).