Lunedi 5 Dicembre

Inter, mea culpa Mancini: “voto personale insufficiente, la squadra è impaurita”

LaPresse/Spada

L’allenatore dell’Inter, Roberto Mancini, spera ancora nella rincorsa Champions e fa autocritica in merito alla stagione e all’approccio ai match

Sarà un caso del destino o forse era ampiamente prevedibile viste le due rose, ma nella stagione in cui la finale di Champions League si gioca a Milano, le due milanesi sono fuori dalle coppe da ben 2 stagioni e il futuro europeo del prossimo anno appare incerto. Ma se per il Milan l’ultima possibilità è mantenere il sesto posto per sperare nell’Europa League, l’Inter non vuole abbandonare il sogno Champions, vero obiettivo prefissato a inizio campionato.

LaPresse/Marco Alpozzi

LaPresse/Marco Alpozzi

Roberto Mancini, come riportato dalla Gazzetta dello Sport, ha parlato della situazione di classifica dei nerazzurri e della rincorsa Champions a partire dal match col Frosinone: “Non voglio cali di tensione , ci sono ancora 21 punti in palio. Serve una prova importante per tornare a vincere in trasferta dopo un lungo periodo. Rinunciare al terzo posto? Assolutamente no, chiaro che è dura immaginare che la Roma perda 8 punti in sette gare. Ma siamo dei professionisti e dovremo fare il massimo comunque“.

LaPresse/Marco Alpozzi

LaPresse/Marco Alpozzi

Il “Mancio” ha spieagato il poblema dell’approccio ai match della sua squadra: “in casa abbiamo pagato anche troppo caro alcuni errori. Aver perso certe gare ci ha un pò impaurito e quando ti abbassi concedi solo più chance all’avversario. Dobbiamo giocare senza timori. Al momento alla stagione darei un voto basso. Ma non ai giocatori, che hanno dato tutto. Voto basso al tecnico. Poi il tecnico di Jesi si è lasciato andare ad un momento amarcord: “quando presi l’Inter nel 2004 ci vollero due anni per vincere, malgrado giocatori forti. Se mancano giocatori di personalità? Fosse così non saremmo stati in testa per metà campionato. Qualcosa di buono lo abbiamo pur fatto“.

LaPresse/Jennifer Lorenzini

LaPresse/Jennifer Lorenzini

Mancini infine non si è sbilanciato sul suo futuro e sull’ipotesi estero: “Il mio rinnovo? Oggi festeggiamo quello di Nagatomo, che merita di rimanere in un club così importante. Se anche io rifiuterei un’offerta dalla Premier? Il problema non si pone visto che non ho ricevuto alcuna offerta. E poi ho ancora un anno di contratto“.