Il mondo dello short track dice addio ad un fuoriclasse: un cancro alle ossa uccide Noh Jin-Kyu

Il mondo dello short track e dello sport in generale piange Noh Jin-Kyu, giovanissimo fuoriclasse morto per un cancro alle ossa

Lutto nel mondo dello short track. A soli 23 e’ morto per un cancro alle ossa Noh Jin-Kyu, uno dei fuoriclasse della disciplina sul ghiaccio. Il coreano aveva raggiunto il suo apice a 18 anni, vincendo la classifica generale del Mondiale 2011; nello stesso anno, ha stabilito due record del mondo nei 1.500 e 3.000 metri.

Jin-kyuNel 2013, i medici gli avevano diagnosticato un tumore benigno alla spalla sinistra, ma il pattinatore asiatico aveva rifiutato di subire un intervento chirurgico al fine di competere alle Olimpiadi a Sochi del 2014. Olimpiadi che pero’ dovette saltare a causa di una frattura alla stessa spalla sinistra, rimediata durante l’allenamento. Nel mese di gennaio 2014, i medici gli rivelarno l’esistenza di un tumore maligno di 13 centimetri, costringedolo ad una lotta contro il cancro conclusasi con la sua morte. (ITALPRESS)

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery