Sabato 10 Dicembre

I paragoni “sepolti” di Ringo in SBK

LaPresse/EFE

Ringo e il rock che fu: i paragoni antiquati del deejay nella telecronaca della SuperBike

Ascoltare gli interventi di Ringo durante le gare di SuperBike ad Aragon è stata un’esperienza della quale forse il pubblico avrebbe anche potuto fare a meno. O perlomeno, diciamo che le parole di Ringo, una volta chiamato in causa dai telecronisti ufficiali, erano sempre e comunque “un po’ troppo vecchia scuola”.

LaPresse/Fabio Ferrari

LaPresse/Fabio Ferrari

Siamo a favore della conoscenza della storia, del passato, delle radici. Ma a tutto ci dovrebbe essere un limite, onestamente. Quello che si presentava agli occhi dei telespettatori che amano le gare fra derivate di serie, ogni volta che Ringo prendeva il microfono in mano, era un deejay di 50 e passa anni (a proposito, possono coesistere le 2 cose: deejay e 55 anni?) che voleva insistentemente paragonare i piloti in gara, e le loro evoluzioni su due ruote, a gruppi rock. Il problema erano, per l’appunto, i paragoni.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Ogni volta che Chaz Davies entrava in curva, veniva paragonato ai Ramones ( i Ramones sono un vecchio gruppo punk-rock americano, nato negli anni ’70 a New York City. Del gruppo originale non è rimasto nessuno vivo. I 4 membri fondatori, Joey, Dee Dee, Johnny e Tommy sono tutti morti); ogni volta che Johnny Rea piegava la sua “verdona” veniva paragonato ai Motorhead (Johnny Rea ha 29 anni, essendo nato nel 1987.

sykes I Motorhead sono un gruppo di heavy-speed britannico formatosi nel 1975, quando Johnny manco era nato, grazie al loro leader indiscusso, Lemmy Kilmister, morto il 28 dicembre dello scorso 2015. A ridaje Ringo!); ogni volta che Tom Sykes faceva toccare il suo ginocchio contro il cordolo della curva veniva paragonato ai Foo Fighters (nel 1994, dopo che i Nirvana cessano di esistere a causa del suicidio di Kurt Cobain, il batterista Dave Grohl decide di fondare una nuova band, i Foo Fighter. Uno vivo no, Ringo?). Ecco, diciamo che Ringo e i suoi paragoni rock “morti e sepolti” ci sono sembrati inutilmente anacronistici e un filino tenebrosi, se e quando paragonati a gente come i piloti di SBK, che rischiano veramente la vita in pista ad ogni gran premio. Ringo, facciamo che cambiamo almeno i nomi dei gruppi? Nel rock esiste anche gente brava e giovane. Che ne dici di Jack White?