Mercoledi 7 Dicembre

Gol e spettacolo a Parigi, il 2-2 con il Psg sorride al City

LaPresse/Reuters

Pareggio che sorride al Manchester City in ottica ritorno. Per il PSG pesa l’errore di Ibra dal dischetto

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Spettacolare pareggio per 2-2 al Parco dei Principi tra Paris Saint-Germain e Manchester City nella gara di andata dei quarti di finale di Champions League. Partita caratterizzata soprattutto dai clamorosi errori di alcuni dei giocatori più attesi. Pronti via da cardiopalma tra rigori negati, assegnati e sbagliati per i padroni di casa. Dopo nemmeno 20 secondi però è il City con Aguero che mette subito in difficoltà David Luiz, costretto ad atterrare l’argentino appena fuori area e a beccarsi un cartellino giallo. Al 7′ è però il Psg a partire in contropiede con Di Maria che premia l’inserimento di Matuidi che, a tu per tu con Hart, viene travolto da Mangala. L’arbitro serbo Mazic però lascia correre. Rigore che però viene concesso qualche minuto più tardi per un fallo molto meno evidente del precedente di Otamendi su David Luiz: se ne incarica Ibrahimovic che si fa ipnotizzare da Hart. Il giocatore svedese prova a reagire prima con un colpo di testa bloccato da Hart e poi con un vero e proprio rigore in movimento su assist di Thiago Motta, ma l’ex Milan spreca la più facile delle occasioni. È comunque il City a fare la partita e infatti dopo i clamorosi errori di Ibra sono proprio gli inglesi a passare in vantaggio: Fernandinho è bravissimo ad approfittarne di un grave errore a centrocampo di Matuidi e a servire De Bruyne, goffo tentativo di recupero di David Luiz, ma l’attaccante dei citizens non sbaglia.

Lapresse/Reuters

Lapresse/Reuters

Alla sagra degli errori partecipano anche Joe Hart e Fernando, che sugli sviluppi di una rimessa da fondo campo regalano palla a Ibrahimovic, lo svedese si fa perdonare i due gol mancati in precedenza riportando in parità i suoi. Nella ripresa si scatena Cavani, piuttosto anonimo nel primo tempo. L’uruguaiano fa il diavolo a quattro per tutti i primi 15 minuti, fino a quando sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Di Maria, riesce ad impegnare di testa Hart, sulla ribattuta si avventa Rabiot che porta in vantaggio i suoi. Il Psg è scatenato e con Ibrahimovic colpisce anche una traversa, sulla cui ribattuta ancora una volta Cavani manda di poco alto. Un clamoroso errore di Aurier spalanca però nuovamente le porte al definitivo pareggio del City: un suo appoggio sbagliato favorisce infatti Fernandinho, che complice anche una deviazione di Thiago Silva mette alle spalle di Trapp. Finisce 2-2, un risultato che dà qualche vantaggio al City, ma che tiene in corsa il Psg. Per gli inglesi due risultati su tre, per i parigini la necessità di vincere a Manchester. (ITALPRESS)