Domenica 4 Dicembre

F1, Nico Rosberg: “qui non sarà emozionante come in Cina”

LaPresse/Photo4

Nico Rosberg pronto e sereno in vista del Gran Premio di Russia: il tedesco della Mercedes non sottovaluta le Ferrari

La stagione 2016 di F1 è entrata nel vivo. I piloti sono pronti per sfidarsi nel quarto appuntamento dell’anno, a Sochi. Nico Rosberg mira a conquistare la sua quarta vittoria consecutiva, le Ferrari vorranno riscattarsi, mentre Hamilton vorrà dimostrare di essere il campione del mondo in carica. E’ tutto pronto per il Gran Premio di Russia! I piloti, chi prima chi dopo, sono arrivati a Sochi, dove domani si accenderanno i motori.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Sereno e ottimista il tedesco della Mercedes, ma anche consapevole che le Ferrari non hanno ancora dimostrato cosa sanno fare veramente: “voglio essere cauto, la Ferrari non ha mostrato tutto il suo potenziale“, ha infatti detto Rosberg in conferenza stampa. Il tedesco poi risponde così ai giornalisti che gli chiedono se si sente solo: “io non sono solo, ho il mio team alle spalle, questo alla fine p uno sport di squadra, da solo non potrei raggiungere alcun risultato poi ho la mia famiglia che mi sta molto vicina, i  miei amici il mio fisioterapista, tutti svolgono un ruolo importante, ogni successo che ottengo in pista è anche grazie a loro“. Rosberg è grato quindi al suo team: “arrivare ad una pista e sapere di avere una macchina che ti permette di fare bene io la vedo come una cosa fantastica“.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Il tedesco poi ammette che, secondo lui, in Russia non sarà come in Cina: “dal punto di vista delle strategie non sarà una gara emozionante probabilmente come è stata in Cina, dal punto di vista dei sorpassi vedremo qualcosa di più lineare”. Inoltre il pilota della Mercedes non si monta la testa, è consapevole che i suoi avversari, il suo compagno di squadra, non hanno ancora dato il loro meglio: “adesso ho più esperienza rispetto all’anno scorso, grazie anche alle battaglie per il campionato che ho vissuto negli ultimi anni. ho guidato molto bene ma i miei avversari hanno avuto delle partenze molto difficili, questa è la realtà, mi aspetto sicuramente che si riprendano, soprattutto Lewis, e sarà una grande battaglia, la stagione è ancora lunga“. Nico infine esprime la propria opinione sulla voglia che hanno i piloti di poter dire la loro quando si vogliono apportare delle modifiche nella F1: “noi abbiamo cercato di essere coinvolti maggiormente, e le cose si stanno muovendo verso questa direzione, la Fia ci sta ponendo delle domande, il processo è quello giusto, noi siamo quelli che guidiamo le macchine quindi possiamo dare un contributo positivo. Noi amiamo lo sport e possiamo dire chiaramente quello che viviamo come piloti ma possiamo anche metterci nei panni di chi ci sostiene”.