Sabato 10 Dicembre

F1, Hembery difende la Pirelli: “gli sgonfiamenti delle gomme non dipendono da noi”

Photo4 / LaPresse

Il direttore motorpsort Pirelli, Paul Hembery, spazza via i dubbi sullo sgonfiamento degli pneumatici verificatisi sulle monoposto di Massa e Magnussen

In attesa di tornare in pista per le Qualifiche del sabato, continua il dibattito sugli sgonfiamenti degli pneumatici patiti dalle monoposto di Felipe Massa e Kevin Magnussen. Entrambi i piloti, durante le prime prove libere, sono stati rallentati da un repentino afflosciamento di una gomma posteriore che ha rischiato di causare danni ben più gravi di quelli effettivamente verificatisi.

massaUn’ indagine approfondita ha concluso che queste perdite d’aria sono state causate da problemi tecnici non legati alle gomme, subito risolti dalle scuderie interessate. Interrogato sulla vicenda, Paul Hembery ha chiarito la situazione: “prima di tutto, come riconosciuto dai team, nessuno degli sgonfiamenti avvenuti in FP1 è imputabile al pneumatico. In quella sessione la pista era molto scivolosa e ‘verde’, cosa che ha provocato problemi di trazione e grip. Come previsto, durante le FP2 la superfice si è gommata di più e abbiamo avuto una notevole evoluzione della pista” ha sottolineato il direttore motorsport della Pirelli. “Questo ha consentito ai piloti di sfruttare al meglio in particolare la mescola supersoft, che prevediamo sarà il pneumatico per la qualifica di domani. Ovviamente questa gara è sempre speciale per noi in Pirelli, dato che per la prima volta siamo title sponsor del gran premio e vorremmo ringraziare tutti del caloroso benvenuto che abbiamo ricevuto, su un circuito che offre sempre gare molto interessanti“.