Domenica 11 Dicembre

F1, Ecclestone shock: “dovremmo tornare ai tempi in cui io ero il dittatore”

LaPresse/PA

Non usa mezze misure Bernie Ecclestone per definire la Formula 1 moderna, auspicando nel ritorno ad un passato in cui non c’era democrazia

La Formula Uno di oggi? “E’ sbagliata, permettiamo a Ferrari e Mercedes di guidarci perchè forniscono i motori alla maggior parte delle scuderie e di conseguenza hanno molto peso al loro interno. Dovremmo tornare ai bei tempi passati, quando abbiamo costruito la F1 nella forma in cui la conosciamo ora, quando la mia posizione era molto più solida. Quando io ero il dittatore“.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Bernie Ecclestone non ha peli sulla lingua e a pochi giorni dal Gran premio di Russia, in un’intervista a “Sovetsky Sport“, critica il circus. “Quando proviamo a far passare qualcosa di nuovo abbiamo bisogno della collaborazione di tutti coloro che prendono parte al Mondiale ed è un errore – assicura – E’ quello che succede quando la democrazia non funziona, ci sono persone che manipolano la Formula Uno secondo i propri interessi“. Dall’altro lato, però, Ecclestone spera che “la Ferrari abbia una grande annata e sarebbe bello anche se la Red Bull avesse un buon motore. La competizione è necessaria, posso capire che la Mercedes non voglia cambiare nulla perchè ha investito molti soldi e lavoro e non vuole perdere il vantaggio acquisito ma non c’è niente di peggio che il dominio di un solo team.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

La gente si lamenta con me dicendomi che ha perso la voglia di vedere le gare, perchè tutti sanno che le Mercedes vinceranno. Credetemi, non mi importa chi vincerà il prossimo Gp, se Hamilton vince il suo quarto titolo, bene, ma che lo vinca all’ultima curva e non quando mancano ancora sette gare alla fine“. (ITALPRESS).