Venerdi 9 Dicembre

F1, che attacco di Ecclestone ai piloti: “pensino a guidare, non rinunciano a un dollaro”

LaPresse

Dopo l’attacco della GPDA, Bernie Ecclestone risponde per le rime sottolineando come i piloti non debbano intromettersi nelle questioni politiche

Continua la bagarre dialettica tra Bernie Ecclestone e la GPDA (l’associazione dei piloti di Formula 1), uno scontro senza esclusione di ‘colpi’ che rischia di minare la serenità all’interno del paddock. Al centro delle polemiche risultano esserci vari temi scottanti, a partire dal format di Qualifiche per arrivare alla questione sicurezza.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Dopo l’attacco di Vettel, Ecclestone incassa e, durante un’intervista concessa alla Espn, risponde: “quali altri interessi hanno i piloti oltre a quello di guadagnare il massimo possibile? Non credo che siano interessati ad aiutare lo sviluppo della Formula 1. Non ho mai visto uno di loro rinunciare ad un dollaro per la categoria. E se si va a cena con un pilota di sicuro non paga il conto. Non dovrebbe essere permesso loro di parlare, devono salire in macchina e guidare”. Ecclestone torna anche sulla polemica nata a seguito delle sue parole, quando sottolineò che non avrebbe speso nemmeno un euro per assistere ad un Gp di Formula 1: “mi hanno attaccato per quanto ho detto ma ho espresso un’opinione che confermo. Prima ancora di andare in pista si sa già chi sarà il vincitore ed il secondo classificato: perché dovrei andare con mia moglie e due bambini, o con la moglie di qualcun altro per assistere ad corsa di cui conosco già l’esito?”.