Domenica 11 Dicembre

Crisi Milan, tutti in ritiro. Parla Galliani: “ci stiamo chiedendo il perché…”

Foto LaPresse - Mauro Locatelli

L’amministratore delegato del Milan Adriano Galliani ha provato ad analizzare il momento delicatissimo che sta attraversando la formazione rossonera

Stop inatteso. La sconfitta contro l’Atalanta ha fatto scattare l’allarme rosso in casa rossonera: un k.o preoccupante sia per come è arrivato (squadra davvero spenta), sia perché adesso anche il sesto posto (l’ultima che permette l’accesso ai preliminari di Europa League) è sempre più a rischio, con il Sassuolo a solo un punto di distanza in classifica.  A cercare di analizzare la situazione è l’amministratore delegato del Milan Adriano Galliani che ha parlato così ai microfoni Radio Rai nel corso della trasmissione ‘Radio Anchi’Io lo Sport’: “Speriamo di riuscire a superarlo, certamente questo è un momento difficile. Stavamo andando bene, poi sono arrivati solo due punti in quattro gare. Ci stiamo chiedendo come mai, speriamo di poterla riprendere e finire bene la stagione magari vincendo la finale di Coppa Italia”.

Galliani ha poi voluto ricordare anche una volta Cesare Maldini: “è stato il Milan per quello che ha fatto, un uomo e un giocatore elegante. Ha avuto una carriera molto simile a quello del figlio. Anche lui come Paolo partì come difensore di fascia e poi si spostò al centro. Nel ’63 fu il primo italiano ad alzare al cielo una Coppa dei Campioni, ma oltre a questo è stato una vera e propria bandiera rossonera. Una persona davvero fantastica. o visto ieri sera la partita dell’Inter e ho visto il pubblico inquadrato che applaudiva un rivale sportivo con assoluta sincerità. Voglio ringraziare tutti i tifosi italiani, ma in particolare quelli dell’Inter che l’hanno visto tante volte da avversario”.