Lunedi 5 Dicembre

Ciclismo, Gasparre shock: “al Giro d’Italia il 70-80% dei ciclisti sarà dopato”

Belen Sivori/Lapresse

Scioccanti rivelazioni di Graziano Gasparre alle Iene sul doping nel ciclismo e sul prossimo Giro d’Italia

Il 6 maggio parte il Giro d’Italia e per Graziano Gasparre la percentuale dei dopati in gruppo si aggira tra il “70-80%”. L’ex professionista lombardo, che in passato ha ammesso l’utilizzo di Epo ed altre sostanze illecite, è convinto che la piaga del doping sia ancora molto diffusa in gruppo. “In quanti si preparano col doping? Più del 50%, sicuramente – spiega l’ex corridore in un’intervista a ‘Le Iene Show’, su Italia1 – Finire un Giro d’Italia a pane e acqua è difficile senza doping“. In carriera, racconta, ha preso anche ormone della crescita e testosterone, oltre ad anfetamine e cocaina.

In più, Gasparre spiega di aver utilizzato la nitroglicerina “per lo sprint finale“, nascondendola “sotto i pantaloncini“. Secondo l’ex ciclista, si utilizza anche l’insulina, ma ancor di più farmaci veterinari: “Ci sono sempre stati. Adesso c’è lo stargate che usano, un ormone che ti asciuga e ti dà potenza“. Considerato l’auto-emotrasfusione una sorta di “cambio dell’olio”, Gasparre ammette che il doping utilizzato gli ha provocato un tumore al gluteo: “Mi si intravedeva una specie di ciste. Mi sono fatto fare un’ecografia e mi hanno detto subito di farmi operare“. (ITALPRESS)