Venerdi 2 Dicembre

Cessione Milan, non solo l’Evergrande: c’è un impero dietro ai cinesi!

LaPresse - Spada

Cessione Milan che si arricchisce ora dopo ora di nuovi dettagli: oltre al gruppo Evergrande, la cordata cinese sarebbe composta da altri 4-5 colossi orientali

Jonathan Moscrop

Jonathan Moscrop

Cessione Milan, identità (quasi) segrete – Una svolta orientale che ormai sembra essere decisa: il nuovo Milan parlerà cinese, Silvio Berlusconi ha detto sì alla cessione del club. Come svelato in anteprima dal Corriere dello Sport nei giorni scorsi, il numero uno rossonero dopo una trattativa ad oltranza ha detto sì alla cordata cinese che ha messo sul piatto 720 milioni di euro: il 70% delle quote da rilevare subito, il 30% nel giro di un anno così da rendere graduale l’addio della famiglia Berlusconi dal club. Rimangono ancora dei dubbi sulla reale identità dei compratori che per motivi legati al patto di riservatezza non sono usciti allo scoperto.

LaPresse/Xinhua

LaPresse/Xinhua

Cessione Milan, Impero Cinese – Ma secondo le informazioni in possesso del Corriere dello Sport, la cordata pronta ad acquisire il Milan sarebbe ben più ricca di quanto si potesse immaginare in un primo momento: oltre all’Evergrande Real Estate Groupsecondo fondo immobiliare di tutta la Cina che ha tra i suoi investitori anche Jack Ma, proprietario del colosso dell’e-commerce Alibaba, patrimonio stimato in 23,1 miliardi di dollari – ci sarebbero altri quattro o cinque potentissimi colossi economici dell’estremo Oriente. Un vero e proprio Impero Cinese pronto a rifare grande il Milan. Nel più breve tempo possibile.