Venerdi 9 Dicembre

Caso Pistorius, i forensi Mollett sostengono la tesi della colluttazione: “colpì Reeva con una mazza”

LaPresse/Reuters

Nel libro ‘Oscar vs The Truth, i forensi Mollett sostengono che Pistorius abbia colpito la fidanzata con una mazza da cricket prima di ucciderla a colpi di pistola

Nuove e importanti rivelazioni squarciano l’apparente calma che sta coinvolgendo nelle ultime settimane, il processo contro Oscar Pistorius, che attende per il 17 giugno la sentenza d’appello per l’omicidio della fidanzata Reeva Steenkamp.

LaPresse/Xinhua

LaPresse/Xinhua

I forensi  Calvin e Thomas Mollett, nel libro scritto di proprio pugno, portano avanti l’ipotesi che l’atleta sudafricano abbia colpito ripetutamente con una mazza da cricket la povera ragazza che, per fuggire dall’ira del compagno, si sarebbe chiusa nel bagno. Il manuale, dal titolo “Oscar vs The Truth“, smentisce dunque le deposizioni di Pistorius, secondo il quale l’omicidio di Reeva sarebbe da attribuire ad un errore di valutazione, dal momento che l’imputato ha sempre sostenuto di averla scambiata per un ladro. Grazie ad una testimonianza di una donna che udì le grida, grazie agli esami autoptici e alle foto della scena del crimine, i due fratelli Mollett sostengono la tesi della colluttazione, avvenuta prima dei letali colpi di pistola. Adesso non resta che attendere la sentenza che il giudice dell’Alta Corte di North Gauteng, Aubrey Ledwaba, leggerà il 17 giugno: il destino di Pistorius sta per essere svelato.