Sabato 3 Dicembre

Caos Fiorentina, Mencucci svela: “Della Valle e Sousa via? Ecco la verità…”

LaPresse/bovo matteo

Continua il caos societario intorno al futuro della Fiorentina: il consigliere viola Mencucci prova a dare chiarezza sul futuro dei Della Valle e di Paulo Sousa

LaPresse/Jennifer Lorenzini

LaPresse/Jennifer Lorenzini

Della Valle-Fiorentina, ancora insieme – “I Della Valle hanno intenzione di vendere la Fiorentina? Lo escludo categoricamente. La proprietà, come ha dimostrato nei suoi 14 anni al timone, farà di tutto per migliorarsi“. Così il consigliere d’amministrazione viola, e presidente della società gigliata femminile, Sandro Mencucci, ospite ai microfoni di Lady Radio. “Il futuro dell’allenatore? Di solito certe decisioni in casa Fiorentina si prendono a campionato finito, quindi non c’e’ da preoccuparsi se ad oggi non ci sono novità – ha aggiunto – Non sono quali saranno i prossimi passi. Io non vedo problemi, per me questa annata è stata positiva anche perché per la prima volta con i Della Valle la Fiorentina è stata anche prima in campionato. Non sono preoccupato per il futuro e se dovessi scommettere lo farei sulla permanenza di Sousa alla Fiorentina perché sarebbe la cosa giusta“.

LaPresse/Jennifer Lorenzini

LaPresse/Jennifer Lorenzini

Della Valle-Fiorentina, critiche viola –La Fiorentina ha persone intelligenti che supereranno le diatribe che si sono create, anche perché sarebbe riduttivo cerchiare la stagione solo per l’operazione Benalouane e scordarsi delle settimane da capolista“. Mencucci, infine, ha parlato dell’ipotesi avanzata nei giorni scorsi dall’ex tecnico viola Cesare Prandelli di far diventare l’attuale patron gigliato, Andrea Della Valle, presidente a tempo pieno della Fiorentina. “Certe volte paragoniamo l’azienda calcio a un’azienda normale, ma è cosi solo da un punto di vista numerico. Nel calcio devi fare qualcosa in più, devi creare uno spirito tra tutte le componenti. E’ impensabile che Andrea Della Valle, essendo un imprenditore di livello, possa essere un presidente a tempo pieno, perché questo non e’ compatibile con la sua attività”. (ITALPRESS).