Sabato 10 Dicembre

Bayern, urlo Guardiola: “massacratemi, ma occhio perché sono ancora vivo”

LaPresse/Xinhua

Massacrato dalla stampa tedesca, Pep Guardiola risponde con orgoglio a chi lo accusa dopo la sconfitta del suo Bayern contro l’Atletico in Champions

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

“Tutti mi hanno massacrato ma sono ancora vivo. Abbiamo ancora una partita: se la perdo, potrete uccidermi ma ho ancora una possibilità”. Pep Guardiola reagisce a muso duro alle critiche che gli sono piovute dopo la sconfitta con l’Atletico Madrid nella semifinale d’andata di Champions. Il tecnico catalano rischia la terza eliminazione di fila in semifinale alla guida del Bayern e sempre con una spagnola “ma abbiamo ancora 90 minuti davanti e la squadra ha dimostrato di cosa è capace“. Guardiola difende anche le scelte del Calderon, come quella di tenere Muller inizialmente in panchina.

LaPresse/ Fabio Ferrari

LaPresse/ Fabio Ferrari

E’ stata una decisione puramente tattica – spiega – volevo giocare con una sola punta. La mia esperienza con due attaccanti non è positiva e a Lisbona abbiamo vinto pur tenendo fuori Lewandowski, non è stato un problema. Non volevo che succedesse quanto capitato la scorsa stagione a Barcellona – il riferimento allo 0-3 contro i blaugrana, col Bayern in campo con due punte – per cui dovevo prendere una decisione. Non è finita comunque, abbiamo ancora un proiettile. Poi, se perderemo, potrete uccidermi ma ancora non sono morto“. Il tecnico catalano, però, sembra rassegnato alle critiche.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Il nostro mestiere è questo, sia qui che in Italia o in Spagna, o vinci o ti massacrano – continua – ho perso pochissimo qui, i miei numeri sono strepitosi ma quelle poche volte che ho perso sono stato massacrato. Conta solo vincere, solo così puoi sopravvivere. Potevamo fare meglio? Sì, ma sono orgoglioso di quello che abbiamo fatto”. E domani, contro il Borussia Moenchengladbach, può arrivare la certezza matematica del titolo. “Sono contento, abbiamo lottato molto per arrivare fino a qui. Sono felice, pieno di energia e voglioso di affrontare i prossimi giorni, sono super motivato“. (ITALPRESS).