Domenica 11 Dicembre

Basket: l’altra faccia di Kobe Bryant

LaPresse/Reuters

Quello che nessuno ha mai osato dire prima di Kobe Bryant

Kobe Bryant, osannato da tutti nel giorno del suo ritiro ufficiale, scopre di non essere amato proprio dalla totalità degli americani. Qualcuno non lo ama, là nel paese delle stars&stripes. Forse è solo qualcuno che vuole farsi pubblicità usando il nome di un venerato campione di basket.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

O forse, leggendo bene quello che dice questo personaggio pubblico, si possono notare, in controluce, delle verità che nessuno ha mai avuto sin qui il coraggio di affermare. Verità che potrebbero far male all’eroe di mille parquet, mister Kobe Bryant. Ecco di seguito alcune frasi dette da Jason Whitlock, cronista di un certo peso del canale Fox News, a proposito del Black Mamba: “Il suo narcisismo e il suo egoismo hanno distrutto i Lakers”,“I Lakers si sono ridotti a essere un gruppo comico; mai nessuna squadra aveva fatto una stagione tanto imbarazzante”,

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

In fatto di atleti, KB è la supertsar più fraudolenta che si sia mai vista”, “La sua partita d’addio è stata pura spazzatura, roba da proibire ai minori”, “Kobe vuole sempre vincere, ma deve essere sempre lui il protagonista assoluto”. Diciamo che ne abbiamo un po’ per tutti i gusti. E aggiungiamo che qualcosa di vero, in fondo, a nostro parere c’è. Anche se, come tutto negli States, è suonato e amplificato in una maniera tale che spacca i timpani. E anche qualcosa d’altro. Show must go on, baby.